Suning vuole Di Maria e non spaventa l’ingaggio

“La numero 10 lo aspetta, con la benedizione di Suning”

Suning vuole Di Maria e non spaventa l’ingaggio

“La numero 10 lo aspetta, con la benedizione di Suning.

È Angel Di Maria il grande obiettivo dell’Inter”. Lo sostiene con forza Tuttosport, che vede nell’arrivo dell’argentino quel colpo in grado di fornire lo sprint giusto anche (se non soprattutto) per una questione di marketing e di lustro. “Di Maria è in cima ai pensieri di Zhang Jindong – si legge -: Suning, legando il nome Inter a un pool di aziende che sfruttano i suoi canali commerciali (3.500 punti vendita in Cina e una piattaforma con 250mila iscritti), ha inaugurato una nuova dimensione del marketing applicato al calcio. Avere come icona nerazzurra uno dei calciatori più importanti al mondo avrebbe come primo benefico effetto collaterale il fatto di rendere ancora economicamente più vantaggiosi gli accordi presi”. Insomma, come dice Florentino Perez: prendere campioni aiuta a vincere e poi ad acquistare altri campioni. “Un affare come quello con il Paris Saint-Germain per Di Maria sarebbe praticamente autofinanziato dall’indotto: verrebbe quindi finanziato dalle auto, dalle bottiglie di vino e dagli smartphone griffati Inter creati dalle aziende legate dalla partnership col colosso di Nanchino – puntualizza TS -. Anche per questo motivo spaventano relativamente gli 11 milioni che prende Di Maria a Parigi: cifra – è bene sottolinearlo – improponibile per il monte ingaggi del club. Però, qualora l’argentino decidesse di spalmare quanto percepirà per le prossime due stagioni su un triennio, le cifre cambierebbero sensibilmente al ribasso”. Le alternative a Di Maria per il grande colpo, secondo il quotidiano torinese, sarebbero Lucas Moura, Douglas Costa e Radja Nainggolan.

{loadposition adorizzontale}

{loadposition EDintorni}