Verso Crotone – Inter, Luciano Spalletti in conferenza stampa

Le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa in vista di Crotone-Inter

 

Verso Crotone – Inter, Luciano Spalletti in conferenza stampa

Le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa in vista di Crotone-Inte

APPIANO GENTILE – Giornata di conferenza stampa per Luciano Spalletti, che si è presentato davanti ai giornalisti prima della partenza della squadra verso Crotone: “La squadra deve avere fiducia ma deve stare attenta a non peccare di presunzione. Nell’ultima partita con la Spal ho visto l’atteggiamento giusto: il risultato non era scontato e i ragazzi hanno avuto il comportamento corretto, sono certo che anche domani sarà così”.

Quella col Crotone può rivelarsi una partita insidiosa:

“Non dobbiamo considerare sfide come questa un momento interlocutorio: dobbiamo giocare ancora 35 partite, tutte importanti, e tutte devono essere affrontate nel migliore dei modi. Conosco bene Nicola, che è un allenatore bravissimo a motivare i propri giocatori e l’anno scorso l’ha ampiamente dimostrato. La squadra segue alla lettera i suoi dettami, il Crotone sarà un avversario molto complicato da affrontare”.

A Crotone e nelle partite successive sarà fondamentale il contributo di tutti:

“Ho qualche dubbio di formazione perché tutti si stanno allenando nella maniera corretta, rendendo il mio lavoro più difficile. Abbiamo bisogno del contributo di tutti, è fondamentale anche avere giocatori in grado di determinare la partita entrando dalla panchina. Il campione è tale perché non sceglie la partita in cui esserlo: il campione è colui che mette sempre il suo marchio dentro la gara, in qualsiasi occasione. Mi aspetto sempre questo genere di atteggiamento da parte dei miei giocatori”.

L’Inter sinora ha subito soltanto una rete in tre gare:

“Io mi aspettavo i miglioramenti della squadra in fase difensiva, perché li vedo lavorare con serenità e attenzione ogni giorno in allenamento. Se i giocatori ragionano come squadra, allora si subiscono meno gol. Poi abbiamo Miranda e Skriniar, che sono due ottimi giocatori che non hanno ancora fatto vedere del tutto le loro potenzialità. Si può fare un discorso simile anche per il centrocampo: di volta in volta deciderò io chi schierare, ma qui abbiamo a disposizione calciatori forti”.

Riguardo alla fase offensiva, invece, Icardi e Perisic hanno sin qui fornito un contributo determinante:

“Loro sono due calciatori eccezionali ma noi abbiamo anche altre potenzialità. Mauro e Ivan hanno qualità importanti ma siamo sicuri di avere a disposizione un collettivo che funziona, che cerca di dare il massimo in ogni partita: serviranno i gol di tutti quanti i nostri calciatori per arrivare in Champions”.