Verso Crotone – Inter

I nerazzurri promettono battaglia

Verso Crotone – Inter

I nerazzurri promettono battaglia

L’Inter viaggia a punteggio pieno ed è prima in classifica sia pure in coabitazione con Napoli e Juventus. Spalletti cercherà di migliorare il suo score personale sabato contro il Crotone perchè non è mai riuscito a vincere le prime quattro gare di campionato. In Calabria la sfida sarà difficile come contro la Spal. L’Inter sta andando a gonfie vele e le vittorie, in particolare, contro Fiorentina e Roma, sono state estremamente preziose quanto inaspettate. Il tandem Perisic-Icardi ha fatto, sino a questo momento, autentiche faville. Tra reti e assist importanti i ragazzi terribili hanno fatto sentire tutta la loro pericolosità e incisività sottorete. Se in altri lidi Dybala-Iguain o Insigne-Callejon rappresentano potenziali esplosivi sulla strada per lo scudetto, il croato e il capitano interista stupiscono e cristallizzano classe e fantasia. Oltre a un bottino di gol di tutto rispetto; sette gol su otto delle reti totali nerazzurre sono opera loro. Perisic, spesso, in veste di suggeritore e Icardi finalizzatore valgono a sancire uno schema capace di fare la differenza in questo primo scorcio di campionato. La mano di Spalletti è evidente; la si percepisce anche nel rinnovato entusiasmo che permea l’intero ambiente. Alcune considerazioni. Se in difesa Miranda e Skriniar sembrano garantire grande solidità e sicurezza all’intero reparto, entrambi meritano qualche nota d’eleogio. Miranda ha ripreso in mano un intero reparto mostrando doti di leader. Skriniar sembra, a tratti, un veterano ed è destinato a migliorare. La stessa intesa tra Icardi e Perisic sembra opera (anche) della bravura e intuito del tecnico di Certaldo. Non è un caso che la sintonia tra i due sia nata anche grazie alla capacità del tecnico di saper valorizzare il capitale umano a disposizione. Sino a rendere tutti parte integrante di un progetto che resta in fieri. Certo, siamo solo all’inizio di un percoso ma il dato evidente è che sta nascendo un gruppo che agisce, pensa e si muove come una squadra. E di cui si ignorano i relativi margini di miglioramento. Così Spalletti reitera sovente il suo invito a Perisic perchè aumenti il raggio d’azione; anche Icardi viene continuamente richiamato ad un ruolo di capitano più incisivo rispetto al passato. Attraverso una maggiore e più significativa partecipazione all’intera manovra d’attacco. Sembrano semplici dettagli ma sono quelli che fanno la differenza e che spesso portano alla nascita di realtà importanti e durature. Adesso, il Crotone. Con la forza dei grandi. Amala!

{loadposition EDintorni}