Verso Genoa – Inter, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

“Grande attenzione al Genoa, serviranno carattere e personalità”

Verso Genoa – Inter, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

“Grande attenzione al Genoa, serviranno carattere e personalità”

L’allenatore dei nerazzurri in conferenza stampa alla vigilia di Genoa-Inter: “Quello che abbiamo fatto finora è un cammino che ci ha portato al terzo posto” I nerazzurri ripartono dalla vittoria casalinga contro il Bologna. Nel prossimo turno altra squadra rossoblu, stavolta il Genoa, pronta ad ospitare i nerazzurri a Marassi. Luciano Spalletti ha presentato così la sfida in conferenza stampa: “Il Genoa arriva da due vittorie in campionato, dobbiamo porre l’attenzione su questo e sull’ambiente. Ci vogliono carattere e personalità per vincere in quello stadio, loro sono bravi a ripartire e a coprire gli spazi”.

“Su Icardi e Perisic si sono fatte delle valutazioni. Vorremmo sempre averli in gruppo, ma non avendo la certezza di poterli avere in una partita con ritmi come quelli che ci aspettiamo sabato… però abbiamo giocatori che quando sono stati chiamati in causa hanno confermato di avere le qualità. Chi è uscito acciaccato col Bologna non ha avuto altre ricadute, nessuna diminuzione dei tempi di allenamento”.

“Rafinha non ha i 90 minuti delle gambe, lavora in settimana per aumentare il minutaggio. Al momento, con lui in campo, dobbiamo aspettarci che la squadra debba sopperire alla mancanza del suo apporto. Karamoh ha tecnica e corsa devastante, ma c’è da fare un lavoro perché cresca con tranquillità essendo giovane e ancora inesperto”. “Gagliardini? Quando alza il pressing fa la differenza, ha momenti migliori e peggiori come tutti gli altri, per me non parte avvantaggiato né svantaggiato. Candreva mai in discussione, alla fine ci sarà il totale dei suoi numeri alla fine del campionato e tra cross, corsa, assist e gol i suoi numeri saranno a posto”.

“Noi dell’Inter siamo cittadini del cielo che abitano sulla terra, non siamo depressi. Quello che abbiamo fatto finora è un cammino che ci ha portato al terzo posto; ci sono cose che dobbiamo fare ancora meglio perché anche nell’ultima partita alcune cose non mi sono piaciute, nella qualità e nella ricerca del gioco quando eravamo in superiorità. Siamo in grado di andare a vincere contro il Genoa, che è in forma stratosferica e che ha battuto la Lazio all’Olimpico. Ma non abbiamo alibi o mezze misure”.

“Ci mancheranno i gol di Icardi e Perisic? Contro il Bologna abbiamo vinto con i gol di Eder e Karamoh, questa situazione l’abbiamo già affrontata e superata. Eder ci ha tolto le castagne dal fuoco, eppure si diceva dovesse andare via”. “Vedo interesse, partecipazione disponibilità ad apprendere. Dopo l’entusiasmo per le vittorie c’è un po’ di difficoltà per le ultime prestazioni soprattutto in funzione della qualità assoluta della squadra. Cambiare qualcosa? Oltre che ruolo per ruolo se c’è la necessità bisogna anche cambiare modulo”. “Brozovic si è subito dispiaciuto di quel gesto quando è rientrato in spogliatoio. Il messaggio via social è importante, poi si è allenato molto bene e con grande disponibilità con la squadra durante la settimana. Domani non partirà dall’inizio ma se avrò bisogno lo tirerò dentro la partita e lui saprà dare tutta la sua qualità. Skriniar? Vedrete che rimarrà a giocare all’Inter per diverso tempo”.