Verso Inter – Bologna, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

Le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa alla vigilia di Inter-Bologna

Verso Inter – Bologna, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

Le parole del tecnico nerazzurro in conferenza stampa alla vigilia di Inter-Bologna

APPIANO GENTILE – Giornata di conferenza stampa al Centro Sportivo Suning per Luciano Spalletti, che come di consueto ha risposto alle domande dei giornalisti alla vigilia del match di campionato, in questo caso contro il Bologna. La prima domanda è sulla mancata convocazione di Icardi: “Purtroppo Mauro non può essere della partita, ha provato a stare con il gruppo ma nei movimenti con la palla sente un po’ di dolore, quindi le prove fatte con i medici portano alla conclusione che è meglio aspettare”.

Sulla corsa al posto in Champions League: “Mi sento una persona fortunatissima, sono all’Inter, in un ambiente bellissimo e in una squadra fortissima. Mi trovo bene. Non c’entra quello che fanno le altre squadre ma ciò che facciamo noi. Ognuno fa la sua corsa, il suo percorso”.

Tornando al campo, la cosa più importante è mantenere l’equilibrio: “Dobbiamo alzare il livello di qualità offensiva, bisogna fare qualcosa in più, ma non bisogna nemmeno perdere l’equilibrio di squadra. Il nostro passato dice questo: che questa squadra spesso ha rischiato anche di prendere gol magari offrendo di più. La cosa fondamentale è sempre questo equilibrio. Cercheremo di metterci qualcosa in più anche domani”.

Sulla possibilità di un cambio di modulo: “Questa settimana abbiamo lavorato anche in maniera differente. Abbiamo approfondito le conoscenze di una tattica un po’ diversa, visto che abbiamo sempre lavorato portando avanti il 4-2-3-1/4-3-3 anche in base alla rosa e le qualità che abbiamo a disposizione. Io devo fare le cose fondamentali per quello che riguarda l’immediato futuro, dobbiamo fare risultato. È giusto pensare di organizzare il futuro ma adesso dobbiamo pensare solo al presente. Ultimamente abbiamo subito qualche sconfitta che è sotto la qualità e la potenzialità che abbiamo. Dobbiamo per forza rimettere a posto questo e basta”.

Infine, domanda su Rafinha e il suo impiego domani: “Anche qui ci sono forti dubbi, vanno fatte delle valutazioni. È chiaro che stiamo pensando anche a questa soluzione perché può darci qualità per palleggio e fraseggio”.

Print Friendly, PDF & Email