Verso Inter – Chievo, la conferenza stampa di Stefano Pioli

Conferenza stampa della vigilia: “Loro sbagliano poco, dovremo essere lucidi e precisi. Gagliardini ha qualità importanti”

APPIANO GENTILE – Prima conferenza stampa del 2017 per mister Stefano Pioli al Centro Sportivo “Suning in memoria di Angelo Moratti”, alla vigilia di Inter-Chievo. Prime domande sul nuovo acquisto, Gagliardini: “Ha già dimostrato di avere qualità, è pronto a livello fisico e psicologico per giocare. Uno come lui può dare energia alla squadra e prospettive per il futuro. La società è ambiziosa, la rosa è numerosa ma la società ne è consapevole e lavoreremo per smaltirla”.

“Gagliardini ha come qualità migliore il senso della posizione, importantissima per un centrocampista. Se un giocatore sa stare in campo non ha problemi nel giocare a due o a tre in mezzo al campo. Poi il calcio è fatto di movimento. Lui ha un senso di posizione innato, gioca un calcio semplice, efficace, ha fisicità ed è forte nei recuperi e nel gioco aereo. Sarà importante per il futuro dell’Inter”.

“Medel sarà tra i convocati, è un giocatore duttile e affidabile, sia a centrocampo che in difesa, di volta in volta sceglieremo la posizione migliore e più funzionale alle esigenze della squadra”.

“I fattori che possono determinare il valore di una squadra sono fisicità e tattica, perché il calcio è fatto di palle inattive, contrasti, lotta. Gagliardi in questo senso ci potrà dar una mano, siamo soddisfatti del suo arrivo”.

Un punto sul campionato alla prima di ritorno: “Noi vogliamo riguadagnare posizione, stiamo andando bene ma anche davanti stanno correndo forte. Dobbiamo ragionare una partita alla volta. Siamo solamente a metà percorso e abbiamo ancora tanto da fare. Il lavoro quotidiano può darci certezze per essere competitivi da domani a maggio”.

Domani sera a San Siro arriva il Chievo Verona: “Una squadra che sbaglia poche partite, una ad esempio è stata quella di domenica scorsa. Ha un’ottima difesa, ci creerà difficoltà perciò dovremo essere lucidi e tecnicamente puliti e precisi”.

“La squadra sta migliorando, ma ha ancora ampi margini di miglioramento. Se vogliamo raggiungere il terzo posto il livello deve essere alto. In proiezione l’anno scorso la Roma ha fatto 80 punti, serviranno tanti punti per raggiungere il nostro obiettivo. Ma dobbiamo sempre ragionare una partita alla volta e dimostrare sul campo il nostro valore”.

“Sono convinto che possiamo migliorare nella continuità all’interno della stessa partita, a volte non riusciamo ancora a leggere in maniera lucidissima alcune situazioni. Ho giocatori intelligenti e duttili, non è molto che lavoriamo insieme e perciò possiamo conoscerci ancora meglio e crescere insieme”.

“I miei giocatori sanno che in Italia le partite sono tutte difficili, dunque anche quella di domani. Insegnare i meccanismi di un centrocampo a tre o a quattro non è un problema, i giocatori si sanno adattare ad ogni sistema di gioco”

Ultima domanda sul mercato in uscita e in entrata: “Nella fase offensiva abbiamo sette giocatori, anche Pinamonti che si allenerà in pianta stabile con noi anche se all’occorrenza giocherà con la sua Primavera. Ci sarà spazio per tutti, l’importante è che si facciano trovare pronti. Barbosa ha le stesse opportunità di tutti i suoi compagni, sono contento dei giocatori che ho ha disposizione ad oggi in fase offensiva”.

Print Friendly, PDF & Email