Verso Inter – Lazio, la conferenza stampa di Stefano Pioli

Le parole del tecnico in conferenza stampa: “Sono i risultati che fanno la classifica. Abbiamo un impegno per il quale ci siamo preparati al meglio”

APPIANO GENTILE – Consueta conferenza della vigilia per Stefano Pioli, che ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Centro Sportivo Suning in memoria di Angelo Moratti a poco più di 24 ore dalla sfida contro la Lazio: “Abbiamo degli equilibri da rispettare, ci mancano dei giocatori ma la rosa è competitiva, abbiamo un impegno molto importante e ci siamo preparati al meglio”.

“È l’ultima partita dell’anno solare, non della stagione. Questa squadra ha margini di miglioramento ma ora conta solo fare bene domani sera. Loro saranno rivali ostici per tutte le squadre che ambiscono ad arrivare in Champions League, senza coppe stanno preparando benissimo ogni partita”.

“È chiaro che senza giocate individuali poche squadre possono vincere le partite, noi li abbiamo e ci saranno utili così come il seguire il nostro piano di gioco. I risultati danno la classifica finale e l’autostima necessaria per crescere, domani assolutamente conterà solo il risultato”.

Sul passato alla Lazio: “Sono stati due anni intensi, un’esperienza importante, ma ora sono concentrato al 100% sull’Inter, il passato è il passato e il presente è un grande presente”.

“Stiamo lavorando con grande impegno e sacrificio per crescere e per ottenere risultati che ci daranno la possibilità di lottare per le posizioni che vogliamo raggiungere a fine stagione. Lo sviluppo della fase offensiva fin qui è positivo, possiamo concretizzare ancora meglio le situazioni offensive: se non si prende gol è facile vincere le partite, dobbiamo lavorare in questa direzione”.

“Ho convocato e convocherò sempre i giocatori che mi danno più affidabilità dal punto di vista sia fisico che mentale. Kondogbia lo vedo voglioso di aiutare la squadra, è l’unica cosa che conta. La società si sta interessando al caso della squalifica di Felipe Melo, vedremo come si svilupperà la situazione. Medel è importante nel mio scacchiere, ho grande fiducia nelle sue qualità ma ora ho a disposizione una rosa che dà ampie garanzie. Proveremo a recuperarlo durante la sosta natalizia”.

{loadposition EDintorni}