Verso Milan – Inter, la conferenza stampa di Luciano Spalletti

Alla vigilia del #DerbyMilano: “Le sensazioni sono bellissime, perché giocheremo la partita più bella e importante del campionato. Sappiamo quanto conti per i nostri tifosi”

Alla vigilia del #DerbyMilano: “Le sensazioni sono bellissime, perché giocheremo la partita più bella e importante del campionato. Sappiamo quanto conti per i nostri tifosi”

APPIANO GENTILE – Vigilia del #DerbyMilano per l’Inter di Luciano Spalletti, che domani sera affronterà il Milan a San Siro nel posticipo della 27^ giornata di Serie A: “Le sensazioni sono bellissime, perché giocheremo la partita più bella del campionato e sappiamo quanto ci tengano i nostri tifosi – ha dichiarato il tecnico nerazzurro in conferenza stampa -. Vogliamo determinare quello che sarà il nostro destino, quindi bisogna arrivare al match consapevoli della nostra forza e dell’importanza della sfida”. 

“La nostra classifica, che è importante, è maturata anche grazie alle partite difficili che abbiamo portato a casa. Sappiamo di avere tutti i mezzi per fare bene, ma è normale doverli poi mettere in pratica nel modo giusto, sapendo leggere i momenti della partita. Dobbiamo avere il coraggio di fare giocate determinanti, perché fanno parte del nostro bagaglio. Chiederò ai ragazzi di mostrare sempre la faccia cattiva da qui in avanti, perché non c’è più tempo per rinviare il nostro traguardo. Questa partita rappresenta già l’occasione di prenderci il nostro futuro, senza pensare di poter rimediare nelle prossime giornate. Dobbiamo essere bravi ad analizzare in maniera corretta il momento del campionato se vogliamo arrivare in Champions League. Il derby vale più di una stagione, è uno spettacolo per il calcio. Vincere per noi vorrebbe dire determinare una pagina di storia delle sfide più belle, quelle che rimangono negli occhi di tutti, per poi sfruttare l’entusiasmo anche da parte dei tifosi che hanno a cuore le sorti della squadra”. 

Tante le domande sui singoli: “Icardi pronto? Mauro è prontissimo, il derby è una partita che dà delle sensazioni particolari ai giocatori con una personalità come la sua. Candreva trequartista? Ha già giocato in quella posizione e lo ha fatto spesso anche in allenamento, quindi non ci inventiamo nulla. Karamoh? Siamo tranquilli per le sue qualità mentali e atletiche, si può utilizzare in qualsiasi partita perché ha grandi obiettivi. Il momento di Perisic? Nessun giocatore da solo può determinare il comportamento di squadra, il suo momento va in parallelo al nostro. Ivan, però, è un giocatore forte e lo vorrei sempre nella mia squadra. Domani sera farà vedere di aver rimesso le cose al loro posto”.

E ancora: “Le condizioni di Borja Valero e Miranda? Per Borja conterà l’ultimo allenamento, mentre Miranda sta bene ed è recuperato. Suso il più pericoloso? A me preoccupano solo i giocatori dell’Inter, il Milan è una squadra forte e a più riprese ho detto che mi meravigliavo della loro posizione in classifica, quindi non rimango sorpreso ora. Hanno giocatori forti, che rispettiamo, ma siamo convinti di avere altrettante qualità”.

Print Friendly, PDF & Email