Verso Napoli – Inter: i duelli

I duelli nelle zone nevralgiche del campo saranno fondamentali nella sfida tra Napoli e Inter. 

Verso Napoli – Inter: i duelli

I duelli nelle zone nevralgiche del campo saranno fondamentali nella sfida tra Napoli e Inter. 

DUELLO TRA I PALI – «Le due squadre, insieme alla Roma, hanno la miglior difesa del campionato con soli 5 gol. Nel Napoli gran merito va alla forza di un collettivo che costringe gli avversari a rimanere spesso nella propria metà campo. Reina non è probabilmente un punto di forza sul campo, ma è indubbiamente uno dei grandi leader dello spogliatoio. Al contrario, Handanovic non è mai apparso come un capopopolo, ma fra i pali finora ha confermato di essere un portiere di livello internazionale, limitando anche quelle disattenzioni, in particolare con i piedi, che avevano caratterizzato le ultime annate».

SPINA DORSALE – «Se le difese di Napoli e Inter hanno subito poco, lo devono anche a Koulibaly e Skriniar. Il senegalese non è una sorpresa, proprio con Sarri in panchina ha spiccato il volo, mentre lo slovacco si sta rivelando il miglior acquisto estivo dell’Inter. Entrambi, poi, hanno dato il loro apporto in avanti, Koulibaly con 2 gol, Skriniar con 1. I due giocatori chiave di Napoli e Inter sono quelli che si mettono forse meno in luce, ovvero Jorginho (sempre che non giochi Diawara) e Borja Valero. L’italobrasiliano è il fulcro della manovra azzurra, un regista con il 90% di realizzazione dei passaggi. Borja Valero è stato la prima richiesta di Spalletti sul mercato: datemi lui, poi gli altri. Lo spagnolo è il centrocampista di “testa” che mancava all’Inter, il giocatore in grado di capire i tempi e i momenti della partita. Sono sicuramente due buone squadre, il Napoli ha un centrocampo che gioca palla veloce a due tocchi, con grande movimento davanti e tra le linee, il centrocampo dell’Inter è più lento nel muover palla e davanti le punte fanno meno movimento, si gioca per mettere Icardi in condizione di colpire palla verso la porta, obiettivamente il Napoli ha qualche soluzione e schema d’attacco in più».

LE FASCE – «Diversa interpretazione dei MIster del gioco degli uomini di fascia, diverso il modulo ed i movimenti, sono poco comparabili, vediamo una leggera maggior efficacia degli azzurri».

MERTENS VS. ICARDI – «E poi ci sono loro, Mertens e Icardi, i bomber insostituibili: Mertens ha segnato 7 reti, Icardi 9. Il belga ha realizzato una tripletta al Benevento, l’argentino domenica scorsa al Milan. Mertens con l’Inter ha timbrato il cartellino solo una volta, il 15 dicembre 2013, poi sette partite all’asciutto. Icardi domani affronterà il Napoli per la 12ª volta: ha segnato 2 gol, 1 al San Paolo su rigore con lo scavetto. Una sfida tutta da gustare».

Due warning: occhio al Napoli: non tenere la linea difensiva troppo alta, l’Inter potrebbe diventare molto pericola… Occhio all’Inter: non deve schiacciarsi troppo e fare densità vicino all’area di rigore, il Napoli move palla e uomini con estrema rapidità…

Pronostico? Partita che potrebbe essere equilibrata…

Print Friendly, PDF & Email