Verso Parma-Inter la conferenza stampa di Luciano Spalletti

“Bisogna uscire da questo momento, c’è da lavorare con convinzione e urgenza. Dobbiamo fare una prestazione importante”.

“Bisogna uscire da questo momento, c’è da lavorare con convinzione e urgenza. Dobbiamo fare una prestazione importante”.

Verso Parma-Inter la conferenza stampa di Luciano Spalletti

APPIANO GENTILE – Luciano Spalletti, alla vigilia della sfida contro il Parma ha risposto alle domande dei giornalisti presenti presso il “Centro Sportivo Suning”. In apertura di conferenza una riflessione sul momento della squadra:

 

“Quello che conta domani è fare una prestazione che serva a ripartire. Mi aspetto che si vada a fare risultato ma anche di metterci quei contenuti che ci hanno portato a essere migliori nel lavoro fatto in questi diciotto mesi. Le manovre tattiche si possono modificare ma in partite come queste bisogna mettere in campo conoscenza tattica, tecnica e ancor di più un po’ di cuore che è quello che fa la differenza. C’è bisogno che i giocatori tirino fuori l’umiltà e l’orgoglio per la maglia che indossano assumendoci tutti le nostre responsabilità. C’è da lavorare con convinzione e urgenza”.

La soluzione per ripartire al meglio non è mai una sola: “La squadra deve fare diverse cose, non una. Dobbiamo lottare su ogni pallone e per il risultato contro qualsiasi formazione, bisogna uscire da questo momento. Le partite se ci arrivi con la forza mentale e con la squadra che esprime il massimo si possono vincere. Noi dobbiamo andare a fare una prestazione importante, delle piccole missioni nella partita, nelle corse, nei contrasti e nei duelli fisici”.

 Ancora ai box Keita e Borja Valero, con tempi di recupero diversi: “Keita non sarà a disposizione domani, ma dalla prossima partita, ha bisogno ancora di qualche giorno, quando si sta fermi per un po’ ci vuole tempo ma ha delle qualità che in questo momento servono alla squadra. Borja Valero non è a disposizione, ha un infortunio che si pensava più leggero. C’è da valutarlo ancora perché sta persistendo questa infiammazione”.

Per ripartire lo sforzo deve essere collettivo: “Icardi è calciatore forte ma se la squadra non funziona non c’è talento o bomber che possa mettere le cose a posto, può aiutare e dare un contributo, come può fare chiunque ma è l’insieme che dobbiamo far migliorare. Nainggolan l’ho visto meglio nell’ultima partita e negli ultimi allenamenti, quindi mi aspetto una grande reazione e grandi cose perché ha un passato per cui può dare qualcosa alla squadra”.

In chiusura il cordoglio per la scomparsa di Emiliano Sala e un messaggio di vicinanza per Manuel Bortuzzo:

“Volevamo fare un discorso di vicinanza alle famiglie di Manuel Bortuzzo e Emiliano Sala per questo momento perché ci sono cose che ti rendono impotente e che non dovrebbero succedere, per cui mandiamo un abbraccio alle loro famiglie”.