Vigilia di Sampdoria – Inter: la conferenza stampa di Frank De Boer

Frank De Boer: conferenza stampa della vigilia del match di Genova…”Abbiamo fatto tanti progressi dall’inizio, stiamo percorrendo una strada e vogliamo arrivare fino in fondo”

APPIANO GENTILE – Vigilia di campionato per l’Inter di Frank de Boer, che in vista del posticipo dell’11^ giornata di Serie A in programma domani sera, alle ore 20.45, allo stadio Luigi Ferraris di Genova, ha risposto alle domande dei giornalisti presenti nella sala stampa del centro sportivo “Angelo Moratti”:

“L’appoggio della società è sempre importante per un progetto, dà più tranquillità. Non solo allo staff tecnico ma anche ai giocatori. Lavorare in un ambiente così, in cui si sente la fiducia della proprietà, è positivo”.

“Dobbiamo continuare a giocare con lo stesso atteggiamento. Domani voglio vedere la stessa disciplina che ho visto nelle sfide contro Southampton e Torino. E’ importante comportarsi sempre da squadra compatta, vogliamo dimostrare ai tifosi che siamo una squadra unita, perché quando lavoriamo in questo modo portiamo a casa dei risultati. Ed è importante che i giocatori lo capiscano. Voglio vedere la stessa intensità in ogni gara. Dopo il match di Bergamo ero arrabbiato perché non ho visto il giusto atteggiamento, poi è arrivata una buona risposta contro il Torino. Dobbiamo trovare continuità di prestazione ma per quello che ho visto mercoledì sera non siamo lontani da quello che vorrei vedere, dalla mia filosofia di gioco. Poi, ovviamente, possiamo crescere molto con il tempo ma sono molto contento di quello che ho visto nell’ultima partita”.

A chi gli chiede se per Kondogbia sia previsto lo stesso percorso di Brozovic, il tecnico nerazzurro risponde:

“Io tratto tutti allo stesso modo, ogni giocatore ha le stesse possibilità. Brozovic ha avuto una grande reazione, offrendo la migliore risposta che potesse dare. Sa di aver sbagliato, ha chiesto scusa e adesso sta rispettando le nostre aspettative. Ha capito quello che voglio, ha lavorato duro, è rientrato in squadra e sta facendo bene. Kondogbia ha avuto un piccolo infortunio, sta migliorando ma può e deve crescere ancora”.

Quindi qualche domanda su centrocampo e attacco: Joao Mario davanti alla difesa?

“Quella non è la sua posizione preferita perchè di solito gioca in zona più offensiva, ma in quel ruolo ha fatto molto bene per me. Lui è un grande professionista e sa che così può aiutare la squadra in questo momento. Mi sono complimentato con lui, Brozovic e Banega per la prestazione contro il Torino ma per fare bene con questi interpreti è fondamentale si comportino sempre così. In ogni caso per noi anche Medel è un giocatore importante perché dà sempre il 100%. Eder, Candreva e Perisic per due maglie? Nella scelta valutiamo ogni aspetto, dalla condizione fisica all’avversario che ci possiamo trovare di fronte, passando per la disciplina tattica. Poi abbiamo tanti impegni e dobbiamo evitare anche il rischio infortuni cercando il giusto equilibrio tra tutti i fattori. Sono tre ottimi giocatori con grandi qualità”.

In chiusura, un primo bilancio del lavoro svolto finora:

“Che voto mi darei? 7, perchè posso guardare tutti neglio occhi, siamo partiti da molto lontano e abbiamo fatto grandi progressi. Ovviamente ci sono stati alti e bassi ma abbiamo fatto parecchi passi in avanti e sappiamo dove vogliamo andare in futuro. Stiamo percorrendo una strada e vogliamo arrivare in fondo. Inevitabilmente ci sono momenti in cui va perfezionata la rotta, ma abbiamo chiara la direzione e l’obiettivo finale”.