Vai al contenuto

Lautaro, l’agente domani incontra l’Inter: “No a due club, vuole il rinnovo”

Rinnovo Lautaro. La sfida di Madrid rappresenta un crocevia fondamentale per la stagione dei nerazzurri, chiamati alla battaglia che li aspetta al Wanda Metropolitano che sarà per l’occasione ancora più carico e più determinato nel sostenere l’Atletico nella partita che potrebbe valere una stagione per i Colchoneros.

L’obiettivo della squadra è semplice a dirsi: strappare il pass per i quarti di finale, lanciando perché no cosi un segnale anche alle big europee riguardo la competitività della scorsa finalista.

Le speranze della dirigenza a Madrid: passaggio del turno e rinnovo di Lautaro

inter atalanta lautaro gol

Dal lato societario invece, gli obiettivi sono due: il primo coincide con la squadra, strappare il pass per i quarti significherebbe incassare 10,5 milioni di euro a aumentare ulteriormente la propria posizione nel ranking UEFA, con conseguenti benefici nei futuri sorteggi e partecipazioni; il secondo riguarda il rinnovo del simbolo di questa Inter, il capitano Lautaro Martinez, con il quale l’Inter sta lavorando da tempo con l’agente del giocatore, Alejandro Camano.

Proprio con Camano ci sarà l’incontro a Madrid e la dirigenza nerazzurra spera di tornare a casa con il sorriso e un accordo trovato, almeno verbalmente.

Ricordiamo come Lautaro abbia ancora un contratto fino al 2026 e di come vi sia ancora tempo prima di perderlo eventualmente a zero. D’altro canto è vero che giocatori del livello di Lautaro non devono finire in scadenza, rischiando di complicare inutilmente un’accordo che si ha da fare.

Come riporta la Gazzetta dello Sport nella versione odierna, in queste settimane di stallo, nel senso che le parti non si sono sentite perché concentrate su altro, almeno un paio di club europei hanno sondato il terreno con l’entourage dell’argentino, trovando risposta negativa da parte del toro.

Una dimostrazione ulteriore di come il capitano nerazzurro sia totalmente coinvolto nel progetto Inter e di come abbia deciso di vestire i colori del club come una seconda pelle. Bisogna però trovare l’accordo per un prolungamento e un adeguamento economico. Di questo si parlerà nell’incontro di domani a Madrid, che non sarà tuttavia risolutivo ma tratterà di cifre messe sul tavolo.

Il piano della dirigenza nerazzurra è chiaro: spingersi un pò oltre il proprio limite per accontentare le richieste del proprio top player, che restano di 10 milioni l’anno.

L’Inter offre sempre 8 ma è disposta ad arrivare alla cifra richiesta dal campione del mondo attraverso dei bonus non solo relativi alla vittoria finale di un trofeo, ma come già sta avvenendo nel rinnovo di Barella, anche con bonus e premi legati alla qualificazione alle competizioni internazionali.

Inoltre, va ricordato come le ottime prestazioni sul campo stanno facendo aumentare sempre di più gli introiti societari e le qualificazioni alla nuova Champions League e al nuovo mondiale per club siano da sole ragioni per cui la società potrebbe permettersi di aumentare il tetto massimo per i rinnovi, consapevole che quei soldi rientrerebbero facilmente attraverso altre qualificazioni future.

Con questo tipo di contratto, la società legherebbe indirettamente il futuro dei propri top player in campo con gli obiettivi societari, ampliando ancora di più il legame società-giocatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts