Vai al contenuto

Inzaghi dopo Inter-Napoli: “C’è delusione ma sono orgoglioso dei ragazzi”

Mister Simone Inzaghi è intervenuto dopo il pareggio per 1-1 maturato contro il Napoli. Il mister interista è intervenuto ai microfoni di DAZN appena finita la partita.

Il mister piacentino ha dichiarato quanto segue: C’è delusione per la partita. Il Napoli è un’ottima squadra, ben organizzata e ha fatto una bella partita. Peccato per la leggerezza sul gol di Juan Jesus, potevamo sicuramente marcare meglio e stare più attenti. L’ultima mezz’ora siamo un po’ calati ma è normale quando arrivi da una settimana così impegnativa. Dubbi sul gol? Non saprei, devo rivedere l’episodio ma posso dire che La Penna si è comportato bene nel complesso.”

Inoltre Inzaghi prosegue: “la settimana appena conclusa è stata tosta perché Bologna, Atletico Madrid e Napoli in una settimana sono tre sfide impegnative e in una di queste abbiamo giocato 120′. Il calendario comincia a pesare ma devo fare i complimenti ai ragazzi. Il dispiacere è per i nostri tifosi, volevamo dedicargli una vittoria dopo l’accoglienza da brividi che ci hanno riservato.”

Inzaghi: “Sono stati giorni di analisi ma dalle sconfitte si possono imparare tante cose”

simone inzaghi inter

Paolo Cannavaro chiede se l’Inter non abbia vinto per un eccesso di foga per un’ossessione del record di punti. Il mister risponde: “abbiamo sbagliato qualche cosa nel secondo tempo ma dobbiamo ricordare che noi giochiamo contro degli avversari veri che hanno qualità e talento. Questi tre giorni sono stati giorni di totale analisi ma dalle sconfitte si può sempre prendere qualcosa di buono. Cosa mi è piaciuto di più della partita? La concentrazione dei miei calciatori.”

Mancano 9 partite alla conclusione del campionato ma, come ammesso dallo stesso Inzaghi, nulla è stato ancora conquistato e bisogna lavorare ancora molto per raggiungere l’obiettivo della seconda stella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts