Vai al contenuto

L’Inter su un attaccante a Gennaio? Secondo Biasin…

Il colpo Buchanan può rivelarsi il primo e ultimo innesto del mercato invernale nerazzurro. Già, perchè per la dirigenza, e a quanto pare anche per lo staff tecnico, il problema principale era sulla corsia destra del centrocampo dell’Inter. Cuadrado fermo ai box per l’intervento chirurgico, Dumfries alle prese con il rientro dall’infortunio, Darmian costretto a fare straordinari in ogni dove e Pavard, da poco rientrato a pieno rango dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori per qualche mese, avevano acceso un campanello d’allarme.

Ecco perchè l’esterno canadese è stato intercettato e acquistato in fretta e furia. Si tratta di un prospetto interessante e dal sicuro avvenire, capace di sopperire alle mancanze in quella determinata zona del campo.

Da più parti, però, si chiede un intervento della società anche in un’altra zona nevralgica del campo: l’attacco. Molti lamentano la “coperta corta” nel reparto offensivo, sopratutto in quelle partite in cui il terminale principale dei nerazzurri è stato assente. Lautaro Martinez, capocannoniere del campionato e autentico trascinatore dell’Inter in quest’inizio stagione, rappresenta il punto di riferimento principale di tutta la squadra e di un’intera tifoseria.

La sua assenza dal campo di gioco si fa sentire sia nello sviluppo della manovra, sia sul tabellino dei marcatori. Ma con Lautaro e Thuram in campo l’Inter è una macchina da gol. Miglior attacco in Serie A con un tandem che è ai livelli delle migliori coppie in ambito europeo. Tutto questo avendo in panchina due giocatori esperti, ma fragili, come Arnautovic e Sanchez che, però, non sono ancora stati in grado di incidere come voluto perchè mai pienamente in forma in questa prima parte della stagione.

Sarà anche per questo motivo che ad Appiano non si parla di mettere mani al reparto offensivo. Una squadra che ha il miglior attacco nonostante due dei quattro giocatori disponibili sono a “mezzo servizio” non può che migliorare.

E la conferma arriva anche da Fabrizio Biasin che a TMW afferma: “Prendere una quinta punta vorrebbe dire creare casino, ovvero la cosa più sbagliata. Il gruppo funziona (45 punti in 18 giornate sono un’enormità), segna a raffica, sa e vuole aspettare i componenti della rosa che attualmente sono più indietro“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera