Vai al contenuto

L’Inter verso Oaktree. Niente rivoluzioni: dirigenza e gruppo squadra confermato

Il presidente Zhang, dall'altra parte immagine del fondo USA Oaktree
CONDIVIDI:
Banner Libro

La vicenda societaria è vicina a un epilogo: martedì sapremo definitivamente se l’Inter resterà a Zhang o se passera a Oaktree.

Le notizie riguardanti la proprietà dell’Inter si sono moltiplicate negli ultimi due giorni, da quando invece di essere annunciata la fumata bianca per l’accordo con Pimco si è passati allo scenario in cui l’Inter può seriamente cambiare proprietà già da questo martedì.

La lettera rivolta al mondo Inter e a tutti i suoi tifosi del Presidente Zhang ha scosso l’ambiente nerazzurro, suscitando preoccupazioni per la solidità finanziaria del club.

Si va verso il cambio di proprietà ma niente rivoluzioni

In realtà nelle ultime ore filtra comunque ottimismo per il futuro in quanto lo scenario di lavoro per la dirigenza non dovrebbe cambiare molto.

A riportare questa notizia sono sempre più fonti, tutte affidabili e cha stanno seguendo la vicenda da tempo.

Una di queste è proprio Sky Sport che prova a disegnare lo scenario più probabile ad oggi, sapendo che trattative di queste dimensioni e importanza possono subire stravolgimenti da un momento all’altro.

Il sito parla di un attesa da parte di Oaktree nel vedere la prossima mossa di Steven Zhang: si aspettano di ricevere i 385 milioni del debito per martedì altrimenti il fondo è pronto a subentrare e prendere il controllo del club, cercando il più possibile di non alterare un meccanismo che fin qui ha funzionato molto bene seppur dovendo stare a regole stringenti.

In caso di mancata restituzione del debito, il fondo eserciterà il proprio pegno che consiste nel passaggio di quote che sono al momento detenute da Grand Tower (67% dell’Inter) a Oaktree.

Per intenderci l’idea del fondo californiano è quella di confermare in blocco la dirigenza e i perni della squadra campione d’Italia.

Oaktree è entrato a far parte del cda nerazzurro già dal 2021, anno in cui è stato stipulato l’attuale prestito in scadenza e non è dunque un entità sconosciuta in casa Inter ma anzi ha avuto tempo per osservare il mondo Inter e assorbire i valori e le aspettative del club.

A tal proposito il lavoro dirigenziale e tecnico è molto apprezzato anche dal fondo che ha intenzione di continuare il progetto di rientro economico, combaciando anche i risultati sportivi che già con la famiglia Zhang era in atto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts