Vai al contenuto

Mancano 100 giorni alla scadenza del rifinanziamento: Zhang è ad un bivio

Rifinanziamento Inter: un argomento spinoso ormai noti ai tifosi, quando domani saremo ormai a 100 giorni dalla scadenza del rimborso del prestito di Suning a Oaktree. Ecco il punto sulla situazione finanziaria nerazzurra e sulle possibili mosse di Zhang.

Sono oltre 300 milioni di dollari, interessi compresi, quelli legati al maxi finanziamento concesso alla proprietà cinese dell’Inter nel 2021. La situazione diventa sempre più critica e le possibili mosse di Zhang sono solamente due: rifinanziare il debito con un altro fondo finanziario internazionale oppure optare per la cessione e uscire così di scena.

Una cessione diretta da parte di Suning, però, sembra difficile ad oggi perché tutti i potenziali acquirenti hanno interesse ad attendere e negoziare direttamente con Oaktree. Un epilogo di questo tipo è sembrato concretizzarsi in un paio di occasioni, prima con Bc Partners e poi con il sovrano saudita Pif (ora proprietario del Newcastle), ma pensare ad una cessione in questi ultimi mesi sembra molto complicato.

Rifinanziamento, Oaktree: ecco cosa può fare Zhang

Tre anni fa, dopo la vittoria dello scudetto e la partenza di Antonio Conte, l’era che si stava aprendo sembrava ancora più burrascosa di quanto non sia quella attuale: i problemi di liquidità, la crisi conseguente alla pandemia, le cessioni pesanti di Lukaku e Hakimi, erano tutti fattori che preoccupavano e non poco i tifosi. Al netto di tutte queste complicazioni, invece, grazie agli ottimi risultati ottenuti sul campo (uno su tutti l’ultima cavalcata in Champions League fino alla finale) e ad un mercato sempre equilibrato senza spese folli, la situazione è migliore di quanto si potesse temere.

Per merito di questi incassi e dei ricavati provenienti dal ritorno del pubblico allo stadio, infatti, oltre 100 dei 275 milioni del prestito non sono ancora stati utilizzati, ma nonostante questo Zhang non avrà molto tempo per riflettere. Con soli 100 giorni a separare la società dall’ultima scadenza ci si aspetta una mossa a breve, il prima possibile.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati