Vai al contenuto

Mbappé-Real: here we go! L’annuncio dei Blancos e i commenti della squadra

Mbappé ufficiale al Real Madrid
CONDIVIDI:
Banner Libro

Mbappé Real Madrid. Una telenovela che andava avanti da tempo, da anni, e che era diventata un po’ il tormentone dell’estate: Mbappé al Real Madrid, un campione assoluto in maglia bianca che potesse raccogliere finalmente l’eredità di un certo Cristiano Ronaldo dopo il flop di Eden Hazard. L’annuncio del club è finalmente arrivato e il mondo del calcio ha reagito a questo trasferimento dal prestigio straordinario.

Una settimana niente male per i tifosi madrileni di fede Real, che a pochi giorni dalla vittoria della quindicesima Champions League contro il Borussia Dortmund possono già celebrare un altro successo: l’arrivo di Kylian Mbappé dal PSG, il coronamento di un matrimonio tra la squadra più forte del mondo e il giocatore più forte del mondo promesso ormai da anni.

Mbappé è un giocatore del Real Madrid: lo aspetta anche… CR7

Sono le 19:00 del 3 giugno 2024, un momento che con ogni probabilità rimarrà nella storia di un club e forse di un intero sport: dalla pagina ufficiale del Real Madrid arriva il comunicato che tutti i tifosi aspettavano con ansia. L’annuncio, sobrio e stringato, è seguito da un video di presentazione del campione francese, e con poche righe fa scatenare tutto il mondo del calcio: “Il Real Madrid F.C. e Kylian Mbappé hanno raggiunto un accordo secondo il quale sarà un giocatore del Real Madrid per le prossime cinque stagioni“.

L’ex PSG, che tra le file dei galacticos indosserà con ogni probabilità la maglia numero 9 per lasciare la 10 a Luka Modric ancora per un altro anno, è stato accolto virtualmente dai commenti di molti nuovi compagni. Dai connazionali Camavinga e Tchouameni che scrivono “Benvenuto a casa!” fino a Valverde e Vinicius, sembrano tutti eccitati ad accogliere l’ennesimo fuoriclasse alla corte di Carlo Ancelotti, persino gli ex. Proprio l’ex Real Madrid per eccellenza, Cristiano Ronaldo, uno che in Spagna e non solo ha scritto la storia del calcio, ha commentato: “Ora è il mio turno di stare a guardare, non vedo l’ora di vederti infiammare il Bernabeu“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati