Vai al contenuto

De Laurentiis punge: “La Juventus dovrebbe essere fuori dal Mondiale per Club”

Mondiale per club e incassi miliardari: sono questi i due nodi che stanno muovendo club e rispettivi presidenti da una parte a dare il meglio in campo nelle sfide di Champions League, dall’altro a scambiarsi stoccate velenose come l’ultima proveniente dal patron del Napoli.

La competizione, che con le nuove dinamiche partirà nel 2025, garantirà ai club partecipanti incassi molto superiori a quelli che si registrano attualmente nelle competizioni europee (si parla di cifre che si aggirano intorno ai 2,5 miliardi di euro), ma proprio dalla Champions usciranno le 12 squadre qualificate per rappresentare l’Europa.

Alcune squadre sono già matematicamente qualificate per il ranking oppure per aver vinto le rispettive massime competizioni per club, altre possono giocarsi ancora un posto e altre ancora non hanno che da stare a guardare e sperare: è il caso di Juventus e Napoli. L’ultimo slot per le squadre italiane (due a disposizione, uno già assicurato dall’Inter dopo la cavalcata in Champions dello scorso anno) è, infatti, conteso da bianconeri e partenopei, con i primi che essendo stati estromessi dalla competizione possono soltanto attendere i risultati del Napoli.

Mondiale per club, parla De Laurentiis: “Serve battere il Barcellona, ma la Juve non dovrebbe andarci comunque”

Primo piano del trofeo prestigioso del Mondiale per club

Il passaggio del turno e un successivo risultato positivo garantirebbero al club campano l’accesso di diritto alla competizione, ma il presidente non sembra gradire la possibilità che invece vedrebbe dentro la formazione di Allegri: “Ci andremmo di diritto battendo il Barça e poi facendo una vittoria o un pareggio, ma il posto spetterebbe comunque a noi”. La motivazione, per De Laurentiis, è la penalità inflitta ai bianconeri: “Mi dispiace, ma la Juve è fuori dalle coppe europee per punizione della Uefa e quindi non dovrebbe essere ammessa nemmeno al Mondiale per club

Le squadre nella competizione nel nuovo format saranno 32, suddivise in base alla federazione di appartenenza in questo modo: Europa 12 squadre, Sud America 6 squadre, Asia 4 squadre, Africa 4 squadre, Centro e Nord America 4 squadre, Oceania 1 squadra, paese ospitante 1 squadra. I club si sfideranno in 8 gironi da 4 con le prime due di ogni raggruppamento che accederanno agli ottavi e poi agli altri scontri ad eliminazione diretta.

Il torneo si disputerà al termine della stagione, da giugno a luglio, e il primo paese ospitante saranno gli Stati Uniti. Le formazioni non ancora qualificate potranno ottenere punti nel ranking con risultati in Champions League (non valide, invece, Conference e Europa), fino a raggiungere il massimo di due slot per ogni nazione oltre ai quattro garantiti alle ultime vincitrici delle tre passate edizioni della Champions e di quella corrente.

Ecco l’elenco delle squadre già qualificate al Mondiale per Club:

Africa: Wydad, Al Ahly

Asia: Al Hilal, Urawa Red Diamonds

Europa: Chelsea, Real Madrid, Manchester City, Bayern Monaco, PSG, Inter, Porto, Benfica

Nord e Centro America: Monterrey, Seattle Sounders, Club Leon

Oceania: Auckland City

Sud America: Palmeiras, Flamengo, Fluminense

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati