Vai al contenuto

Mourinho al Napoli, c’è il primo contatto: l’agente ha telefonato a De Laurentiis

Josè Mourinho nel mirino del Napoli. Dopo essere stato sollevato dall’incarico di allenatore della Roma nella giornata di martedì 16 gennaio, il tecnico di Setubal ha attirato su di se gli occhi del presidente partenopeo Aurelio De Laurentiis, alle prese con la campagna acquisti di gennaio e il progetto di riportare il Napoli nei quartieri alti della classifica.

Contatto avvenuto!

Nemmeno il tempo di svuotare il proprio armadietto e lasciare Trigoria che Jose Mourinho è tornato a far parlare di se. Tutti si aspetterebbero un espulsione, un litigio con il quarto uomo, un’intervista post partita al veleno…No! Perché il destino potrebbe avere nelle sue trame per l’allenatore portoghese un’altra squadra italiana, anch’essa in vistose difficoltà nonostante l’anno scorso fosse quel team di schiacciasassi che ogni domenica asfaltava qualsiasi avversario, il Napoli. A seguito della sconfitta della sua Roma in casa del Milan, la famiglia Friedkrin ha deciso di dare il ben servito allo Special One, apparso visibilmente commosso all’uscita dai cancelli del centro sportivo e che sembrava aver di fatto aver dato l’addio al calcio italiano. Ed è qui che entra in scena la figura dell’esperto e fidato procuratore, Jorge Mendes. Come riportato con assoluta certezza da Sportmediaset.it, il potentissimo agente portoghese si è messo subito in contatto con il numero uno della società Campione d’Italia, il presidente Aurelio De Laurentiis. Sebbene si sia trattato di una prima telefonata esplorativa, la società campana è alla ricerca di un profilo alto a cui affidare il progetto tecnico della prossima stagione e, dopo aver incassato il no di Antonio Conte a subentrare in corsa, AdL, da Riyadh dove sta lavorando anche al mercato per rinforzare il Napoli, ha preso atto della disponibilità dell’ex tecnico tra le altre di Chelsea, Real Madrid e Manchester United.

Il futuro di Mourinho

Nonostante sia ancora legato alla Roma fino al 30 giugno 2024, Jose Mourinho è attualmente un allenatore in cerca di una nuova sfida. A partire dal primo luglio, sarà libero di intraprendere un’altra avventura prestigiosa e stimolante, a meno che non opti per l’opzione Arabia Saudita. Le federazioni portoghese e brasiliana, che lo avevano nel mirino per la guida delle rispettive nazionali, hanno già scelto i loro nuovi allenatori, rispettivamente Martinez per i lusitani e Dorival Junior per i pentacampeon, con entrambi i contratti in scadenza nel 2026. L’attenzione dello Special One potrebbe posarsi sulla Premier League, da sempre suo campionato prediletto: alla porta del tecnico di Setubal potrebbero bussare tre pretendenti d’oltremanica: Fulham, Newcastle e, per il ritorno, Manchester United. Tuttavia, non si può escludere un ritorno clamoroso in Serie A, sebbene l’ingaggio di Mourinho – 7 milioni più bonus all’anno lo stipendio alla corte dei Friedkrin – sia un ostacolo finanziario non indifferente per le società italiane, il futuro di Mourinho è ancora un capitolo tutto da scrivere


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella