Vai al contenuto

Moviola Inter-Cagliari: il gol del 2-2 viziato da un fallo di mano di Lapadula

Due gli episodi da moviola in Inter-Cagliari. Uno sul 2-1 dell’Inter e un altro sul 2-2 definitivo di Viola. I dubbi su quest’ultimo permangono. 

Inter-Cagliari si è conclusa 2-2. I nerazzurri non sono andati oltre il pari contro la squadra sarda arrembante che per ben due volte è riuscita a riagguantare la banda di Simone Inzaghi apparsa leggermente troppo distratta in difesa. Sopratutto il gol del definitivo 2-2 è però macchiato da un fallo di mano di Lapadula che però sia l’arbitro che il Var non hanno ritenuto sufficiente per annullare la rete. Ma andiamo con ordine.

Moviola Inter-Cagliari: gli episodi dubbi

Moviola Inter-Cagliari

Partiamo dal primo episodio degno di nota. Si tratta del gol del 2-1 e del rigore concesso all’Inter. Al minuto 74 viene assegnato per fallo di mano di Mina nell’area rossoblù un penalty ai nerazzurri. Il tocco di mano del difensore del Cagliari è netto e il braccio larghissimo. L’allenatore rossoblù Claudio Ranieri si è però lamentato del fatto che l’azione è partita da un calcio d’angolo che secondo lui non c’era: l’ultimo tocco sembra essere in effetti di Frattesi.

L’altro episodio è accaduto al minuto 83. Prima che Viola calciasse in porta battendo Sommer, il pallone rimbalza sul braccio sinistro di Lapadula. Il tocco c’è ed è abbastanza evidente.

Anche lo stesso esperto Var Luca Marelli su Dazn, a caldo, ha detto che l’episodio era abbastanza dubbio e certamente meritevole di revisione. Revisione che invece il Var non ha compiuto o se lo ha fatto, è stata rapidissima, infatti la partita è ripartita immediatamente e la rete convalidata senza il minimo dubbio.

“Il movimento di Lapadula è volontario, allarga il braccio verso il pallone quando sta scendendo e c’è il concetto dell’immediatezza visto che Viola segna subito dopo. Episodio da on field review per la revoca della rete, che per me andrebbe revocata”, le parole di Marelli. Episodio forse che andava rivisto meglio. I dubbi rimangono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA