Altre notizie “scontri a Milano”: Malagò: “Serve tolleranza zero contro i violenti e serve una legge”

“Fuori dallo stadio c'è una dinamica che non si riesce a fermare. Tutto questo non fa che depauperare il prodotto"

“Fuori dallo stadio c’è una dinamica che non si riesce a fermare. Tutto questo non fa che depauperare il prodotto”

Altre notizie “scontri a Milano”: Malagò: “Serve tolleranza zero contro i violenti e serve una legge”

Giovanni Malagò, numero uno dello sport italiano, usa toni duri nel condannare gli episodi di violenza di mercoledì sera prima di Inter-Napoli: “Serve tolleranza zero contro i violenti, serve una legge che vada oltre il concetto di Daspo. Il modello è quello dell’Inghilterra di Margareth Thatcher, bisogna avere il coraggio di chiudere con un certo tipo di elasticità, disponibilità. Ormai è evidente che fuori dallo stadio c’è una dinamica che non si riesce a fermare. Tutto questo -conclude- non fa che depauperare il prodotto”, afferma il presidente del Coni in un’intervista rilasciata ad ADNKronos.

Malagò ribatte anche alle continue polemiche dei presidenti dei club.

“Anche questa è una dinamica tutta italiana. Cerchiamo di emulare la Premier League con il Boxing day ma in Inghilterra vedete mai un presidente che fa un’intervista prima o dopo la partita? Lì c’è un manager che fa gli interessi dei club. Da noi la filosofia, a torto o ragione, è rappresentata da un padre padrone che ritiene di fare spesso discorsi di parte per difendere i propri interessi”.

Malagò si dice anche soddisfatto del suo percorso come commissario della Lega di A anche se era meglio se si fosse occupato della FIGC.

Print Friendly, PDF & Email