Arrigo Sacchi vede l’Inter come possibile sorpresa

Inter la mina vagante?

 

Domani inizierà finalmente la nuova stagione e le chiacchiere di pre-campionato finiranno. Oggi, però, la Gazzetta dello Sport ha contatto Arrigo Sacchi per parlare delle possibili ambizioni di alcune big di Serie A, tra le quali l’Inter.

Ecco le sue dichiarazioni:

Chi vede dietro la Juve?

“La Roma. Spalletti è molto bravo e molto preparato. Ho seguito la partita contro il Porto. Nella prima mezzora la Roma ha dominato. Dopo il gol dell’1-0 ha cominciato a tirarsi indietro, poi è venuta l’espulsione di Vermaelen e tutto si è complicato. Ma se Spalletti sistema la fase di non possesso palla, allora la Roma può andare lontano”.

La Milano cinese, parliamo sia dell’Inter sia del Milan, parte con parecchie incognite. Che ne dice?

“L’Inter ha cambiato società e guida tecnica, e certe cose possono incidere anche sul rendimento dei giocatori. De Boer è un allenatore preparato, ha idee innovative ed è un uomo intelligente. Quando ancora giocava e io facevo il dirigente, lo volevo portare al Parma. Adesso bisogna vedere se avrà a disposizione gli uomini giusti per imporre le sue idee. Però mi sembra che il materiale umano sia di buon livello”.

Il Milan, invece, è un punto interrogativo.

“Impossibile decifrarlo. Montella è in gamba, dà un’impronta molto definita alle sue squadre. I giocatori devono essere umili e disponibili al sacrificio. E tutti dovranno sforzarsi di ritrovare l’orgoglio di appartenenza: sono in una società che ha scritto la storia del calcio, devono esserne felici. Questo è il punto di partenza”.

Quali saranno le sorprese?

“Se l’Inter assimila in fretta i metodi di De Boer può diventare una mina vagante”.

Print Friendly, PDF & Email