Bonolis: Inter non devi sbagliare…

Il noto presentatore e grande tifoso dell’Inter, Paolo Bonolis, ha rilasciato una lunga intervista a RadioGol24 toccando molti naspetti della realtà nerazzurra.

 

Il noto presentatore e grande tifoso dell’Inter, Paolo Bonolis, ha rilasciato una lunga intervista a RadioGol24 toccando molti naspetti della realtà nerazzurra. In riferimanto ad eventuali cessioni ha detto: “Un sacrificio non si compie mai per niente: se si compie un sacrificio vuol dire che servono soldi per sfruttarli in qualche altro acquisto. Secondo me non è saggio sacrificare entrambi centrali. Probabilmente l’Inter si priverà di uno dei due, probabilmente di Jaison Murillo piuttosto che di Joao Miranda, oppure sacrificherà Samir Handanovic, che ha buon mercato, per prendere un portiere che costa meno magari in Italia che ne ha tanti portieri bravi. L’Inter potrebbe addirittura privarsi del suo centravanti, Mauro Icardi e portare a casa cifre importanti, oppure sacrificare Marcelo Brozovic o Ivan Perisic. C’è rimpianto nell’ambiente interista per un talento come quello di Matteo Kovacic che si trovava in una squadra piuttosto fragile e, quando sono arrivate offerte importanti come quelle del Real Madrid, il giovane ha colto l’attimo. Sull’interesse del Milan non so che dire, è ovvio che ci dispiace perché era un nostro giocatore e probabilmente in una società che non aveva difficoltà economiche, come l’Inter, Kovacic non sarebbe partito. Ma purtroppo si è trasferito al Real Madrid e ha preso la sua strada, pazienza”.

Sui nuovi arrivi ha dichiarato: “Purtroppo questa società deve fare buon viso a cattivo gioco, l’importante è che con la cessione di un giocatore bravo ne corrisponda il rimpiazzo di giocatore altrettanto bravo o di due per ampliare la rosa, anche se veramente l’Inter una buona rosa ce l’ha, ha bisogno di un metronomo in mezzo al campo e di un altro paio di centrocampisti coi piedi buoni e poi ha bisogno di un esterno importante che sappia giocare la palla oltre che a correre. Se l’Inter riesce a orientarsi in questa maniera diventa una squadra con dei margini importanti. Chiaramente l’Inter non può, come molte altre squadre importanti, durante la sessione di mercato trattenere i giocatori che vuole e di puntare su chiunque, quindi qualche sacrificio va fatto. Probabilmente la società cercherà di venderne almeno tre, che non creeranno problemi alla rosa con la loro partenza, per avere la certezza di comprare dei sostituiti ideali”.

Sulla lotta per òa conquista del terzo posto ha dichiarato: “5 punti sono tanti, 8 giornate non sono poche ma nemmeno tante. Tutto sommato la Roma si può permettere di giocare abbastanza tranquilla, poi, si sa, nel calcio basta un inciampo. All’Inter sono bastati due inciampi e si è mangiata tutto il capitale, con 5 punti in 8 giornate bastano due giornate e può cambiare tutto. Però ovviamente non è solo la Roma a dover inciampare, è pure l’Inter a dover vincere. Già in questo fine settimana ci sono partite che nascondono delle insidie: c’è un derby per la Roma che è nettamente avvantaggiata sulla Lazio, però sono partite nella partita. Anche l’Inter era avvantaggiata con il Carpi, ma invece finita in parità come anche nella sconfitta contro Sassuolo… Insomma le partite sono difficili da prevedere: l’Inter deve vincere una partita difficile contro il Torino, mentre par la Roma c’è un possibile inciampo, poi dovrà affrontare anche il Napoli e il Milan. La Roma può permettersi di giocare serena, però i tifosi dell’Inter sanno che non bisogna mai stare troppo tranquilli. I giallorossi devono stare particolarmente attenti, mentre nerazzurri non devono sbagliare mai”.

Print Friendly, PDF & Email