Copia di Champions League: la situazione

Continuano a mietere vittime le big d’Europa nelle notti di Champions: i bavaresi ritrovano il successo, bene anche il Basilea.

Champions League: la situazione

Continuano a mietere vittime le big d’Europa nelle notti di Champions: i bavaresi ritrovano il successo, bene anche il Basilea.

Si è appena conclusa la seconda giornata (3° turno) di appuntamenti in compagnia della competizione europea per eccellenza. Nel mercoledì di Champions League sono scese in campo le rimanenti 16 squadre dei gruppi A, B, C e D. GRUPPO A: UNITED A PUNTEGGIO PIENO, SORPRESA BASILEA – Nel primo raggruppamento sceso in campo quest’oggi altra prestazione positiva del Manchester United di Mourinho, vittorioso di misura 1-0 allo Stadio da Luz di Lisbona contro un Benfica sempre più fanalino di coda del girone. Primo tempo molto equilibrato e avaro di emozioni, con i Red Devils che tornano alla carica nella ripresa riuscendo a trovare la rete decisiva con Rashford che al 65′ si inventa una punizione su cui Svilar tentenna non riuscendo ad evitare il gol. Successo a sorpresa invece per il Basilea nella difficile trasferta russa sul campo del CSKA di Mosca costretto a capitolare 0-2 agli svizzeri. Ad aprire i giochi ci pensa Xhaka alla mezz’ora con un diagonale vincente da fuori, mentre nei minuti finali di gara e dopo un goal annullato è Oberlin a chiudere definitivamente la contesa.

GRUPPO B: PARIS SG E BAYERN SENZA PROBLEMI – Due vittorie anche nel Girone B, con le favoritissime Psg e Bayern vittoriose senza particolari problemi su Anderlecht e Celtic. Alla squadra di Unay Emery bastano soltanto 4 minuti per mettere la gara in discesa al Vanden Stock, con Mbappé che triangola ottimamente con Verratti e mette dentro per l’1-0. Al tramonto del primo tempo Cavani trova il raddoppio su assist del francese, che dopo la respinta del portiere su tiro di Neymar trova con la testa l’uruguaiano per il tap-in facile facile. Nella ripresa è O’Ney a calare il tris su punizione, mentre all’88’ c’è tempo anche per il poker di Di Maria sull’errore sanguinoso della difesa belga davvero poca roba quest’oggi. Dopo il successo in Bundesliga Jupp Heynckes si ripete anche in Champions contro gli scozzesi: al quarto d’ora è Muller a mettere in rete sulla respinta di Gordon per l’1-0 bavarese, mentre alla mezz’ora Kimmich trova il raddoppio di testa su assist di Coman. I Bhoys non riescono a reagire e all’alba della ripresa capitolano definitivamente alla rete di Hummels sugli sviluppi di un corner.

GRUPPO C: ROMA, PARI SPETTACOLO, L’ATLETICO FERMATO DAL QARABAG – Trova un pareggio importantissimo la Roma di Eusebio di Francesco nella difficile trasferta londinese a Stamford Bridge contro il Chelsea, che nel finale agguanta sul 3-3 una gara che sembrava incanalata su binari diversi (Qui il report completo). I giallorossi possono comunque tirare un sospiro di sollievo dopo l’inaspettato risultato maturato a Baku tra Qarabag e Atletico Madrid. Nella sfida delle 18:00 infatti i colchoneros non riescono ad andare oltre lo 0-0 sul campo degli azeri mancando ancora una volta il successo in questo avvio europeo purtroppo deludente. Merito anche della formazione di casa, in grado di disputare una gara spavalda e a viso aperto, con il numero 1 Sehic provvidenziale nel primo tempo sulle conclusioni a botta sicura di Carrasco e Griezmann. Nella ripresa i cavalieri prendono coraggio e sfiorano il goal in un paio di occasioni, diversamente dagli spagnoli incapaci di rendersi realmentepericolosi

GRUPPO D: IL BARCELLONA VINCE ANCHE IN 10, RIMONTA JUVE – Continua a vincere e convincere il Barcellona di Ernesto Valverde contro il malcapitato Olympiakos, anche in inferiorità numerica per gran parte della gara. Al Camp Nou i greci vanno sotto già nei primi 20 minuti con lo sciagurato autogoal di Nikolaou che devia nella propria porta il suggerimento di Deulofeu. Successivamente i blaugrana sfiorano più volte il raddoppio ma nel finale di tempo rimangono clamorosamente in 10 per l’ingenuità di Pique che deposita in rete con il braccio imitando malamente Maradona e venendo sanzionato con il secondo giallo. Nella ripresa il Barça sembra comunque non patire l’inferiorità di uomini, e prima Messi con una punizione al bacio, poi Digne con il piazzato su assist della Pulga ipotecano i 3 punti e il primato nel girone. Vittoria in rimonta anche per la Juventus, vittoriosa 2-1 sullo Sporting di Jorge Jesus.

{loadposition adorizzontale} 

Print Friendly, PDF & Email