Coverciano, Moratti parla di calcio e di Inter

A Coverciano in occasione del premio Nereo Rocco, l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti ha risposto alle domande dei giornalisti presenti che l’hanno interpellato su vari argomenti di attualità nel calcio

Coverciano, Moratti parla di calcio e di Inter

A Coverciano in occasione del premio Nereo Rocco, l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti ha risposto alle domande dei giornalisti presenti che l’hanno interpellato su vari argomenti di attualità nel calcio 

{loadposition adorizzontale}

“Il Var devo ancora capirlo fino in fondo, forse toglie un po’ di emotività alle partite ed ai tifosi perchè porta maggior sicurezza, ma forse in Juve-Inter del ’98 sarebbe servita, però è andata così. Non sono sorpreso dei risultati di Spalletti, anche se quella dell’Inter è una piazza difficile: è bravo, ha esperienza e voglia di vincere. E’ stato un mercato di buon senso. Non bisogna guaradre a Neymar altrimenti è tutto deludente. Bisogna solo capire se ci sono abbastanza calciatori in difesa. Ci saranno dei motivi per cui l’Inter non ha speso troppo. Magari il blocco cinese, magari il FPF, che c’era anche quando io ero presidente e ne ero sostenitore, ma di certo non è facile starci dentro. I cavilli per uscirne ci sono sempre, direi che il PSG l’ha trovato. E’ ancora presto, ma riguardo a questa stagione penso che ci sia un buon allenatore, ci siano una buona società e buoni giocatori. Si può sperare. La Juve è partita male l’anno scorso, ma ha carattere e un ottimo allenatore. Ha perso Bonucci ma ha un ottimo attacco, ci voleva un rinnovamento. A volte ci illudiamo, ma è ancora forte. Escludo assolutamente un mio nuovo coinvolgimento nel mondo del calcio. L’Inter con Spalletti ha le connotazioni per tornare a vincere”.

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email