Il Manchester City domina per mezz’ora, poi è solo Napoli ma non basta: finisce 2-1

All’Etihad Stadium il Manchester City supera di misura il Napoli nella terza giornata della fase a gironi di Champions League Il Napoli esce sconfitto per 2-1 all’Etihad Stadium contro il Manchester City. Una prima mezz’ora complicatissima per i partenopei, poi ottima reazione della squadra di Sarri che riapre il match al 73′ ma senza trovare il pareggio.

Il Manchester City domina per mezz’ora, poi è solo Napoli ma non basta: finisce 2-1

All’Etihad Stadium il Manchester City supera di misura il Napoli nella terza giornata della fase a gironi di Champions League Il Napoli esce sconfitto per 2-1 all’Etihad Stadium contro il Manchester City. Una prima mezz’ora complicatissima per i partenopei, poi ottima reazione della squadra di Sarri che riapre il match al 73′ ma senza trovare il pareggio.

Il match comincia su ritmi bassi e col City comunque in controllo. Il Napoli è troppo timoroso, per un atteggiamento pagato subito a caro prezzo. Infatti al primo vero affondo il Manchester passa al minuto 8: azione dei Citizens a sinistra con Silva che mette al centro dal fondo, Walker conclude a rete con Koulibaly che respinge. Sulla respinta Sterling di sinistro colpisce e mette dentro praticamente a porta vuota. Gli azzurri partenopei non reagiscono e al 13’ arriva anche il 2-0: Kevin De Bruyne recupera un pallone in zona limite dell’area, affonda e mette in mezzo un pallone precisissimo che Gabriel Jesus deve solo spingere in rete. Il monologo del City non termina e al 25’ solo la traversa salva il Napoli: Sanè appoggia per De Bruyne al limite, sinistro telecomandato che si stampa sulla traversa e rimbalza sul terreno senza oltrepassare la linea di porta. Poco dopo altro rischio clamoroso per il Napoli, con la deviazione sotto misura di Stones che smorzata da Reina viene poi salvata sulla linea da Koulibaly. Nel finale di tempo finalmente il Napoli trova la forza di attaccare e rendersi pericoloso, anche se al 38’ Mertens spreca la grande occasione di rientrare nella partita, sbaglia infatti un rigore. Penalty concesso per un trattenuta di Walker su Albiol. Il belga tira centralmente di forza, ma Ederson col corpo respinge. Finale in crescendo per i ragazzi di Sarri, ma senza riuscire a perforare i padroni di casa sino al 45’.

Il secondo tempo si apre con un Napoli ancora molto aggressivo e molto presente nella metà campo del City. L’ultimo passaggio, quello decisivo, stenta ad arrivare e in più al 57’ Insigne abbandona il terreno di gioco per un problema fisico, al suo posto dentro Allan. Ma i Citizens non sono più così brillanti e al 65’ arriva una grande chance per il Napoli: Allan recupera palla in area del City, servendo Mertens che appoggia per Hamsik, sinistro a botta sicura ma salvataggio di Stones che salva tutto a porta vuota. Poco dopo anche Hysaj è costretto a lasciare il campo per un taglio all’arcata sopraccigliare sinistro, al suo posto Maggio. Al 73’ però il Napoli rientra in partita. Fernandinho stende Ghoulam, appena dentro l’area di rigore, dopo uno slalom bellissimo dell’algerino. Dal dischetto Diawara con un piatto destro la mette nell’angolino alla sinistra di Ederson. Il finale di partita è molto bello, col City che sfiora in un paio di occasioni il tris con Sané e De Bruyne, ma anche il Napoli ha le sue chance, specie con Mertens all’80’: il belga viene lanciato in verticale da Callejon, ma il destro del numero 14 termina sul fondo pressato da due difensori del City. Nei cinque minuti di recupero non accade molto, il Napoli esce a testa alta ma senza punti.

Fonte Sport Notizie

Print Friendly, PDF & Email