Inter, cambierà proprio tutto?

Operazione da 600 milioni. I cinesi entrerebbero con una percentuale del 20% per poi rilevare tutte le quote. Moratti uscirebbe di scena con Thohir. E Mancini potrebbe partire…

Dall’Indonesia alla Cina: il futuro dell’Inter è targato Oriente. Si rincorrono le indiscrezioni che riguardano il nuovo assetto della società nerazzurra con Suning Group intenzionato a iniziare una mini scalata che nel giro di poco tempo potrebbe rivoluzionare i piani di Erick Thohir. L’idea dei cinesi è quella di entrare con una percentuale bassa nell’Inter (un iniziale 20%) per poi salire e sfilare tutte le quote agli attuali azionisti. Non solo quelle di Erick Thohir ma anche quelle di Massimo Moratti che uscirebbe di scena insieme a lui.

OPERAZIONE DA 600 MILIONI

L’operazione garantirebbe all’indonesiano di recuperare i prestiti fatti in questi anni all’Inter e addirittura intascare una buonuscita di circa 100 milioni. L’Inter stando a quanto trapela dalla Cina verrebbe valutata circa 600 milioni e sarebbe un buon affare per Thohir visto che l’ha rilevata per una cifra inferiore: 360 milioni, debiti inclusi.

IL NODO MERCATO

Il percorso è complicato ma il primo step è in fase di definizione. L’idea è quella di chiudere prima della fine dell’estate, con una cessione proporzionale che inizialmente dovrebbe prevedere la cessione del 13% da parte di Thohir e il 7% da parte di Moratti. In attesa di nuovi sviluppi Thohir pensa ad allestire una squadra competitiva nonostante le cessioni imposte dal fair play finanziario: i giocatori più appetibili sono Brozovic, Murillo e Handanovic.

MANCINI AI SALUTI?
Roberto Mancini che è corteggiato dall’Everton aspetta di incontrare il presidente per fare il punto della situazione. Al momento, nonostante le dichiarazioni ufficiali, nulla è scontato neppure la sua permanenza.

Fonte: La Stampa

NDR: Ci pare in linea con quanto da noi pubblicato iorni adietro…