Mancini…Lasciato solo contro tutti!

A dispetto delle critiche che dalle parti di Appiano non sono mai mancate anche quando si vinceva tanto il nuovo corso societario non sembra aver trovato l’approvazione di tutti.

In primis di Roberto Mancini che già pregustava gli arrivi di Tourè e Candreva per tentare la scalata al vertice e che invece si è sentito dire no. Suning ha altre idee, vuole partire da giovani pronti e non importa se i risultati non arriveranno subito, l’importante è che il giocatore negli anni successivi sia rivendibile e magari garantisca una plus-valenza in stile Kovacic. Il tutto è stato spiegato al tecnico di Jesi che ha fatto buon viso a cattivo gioco, sicuro davanti alle telecamere ma a chi gli sta più vicino ha manifestato tutta la sua insoddisfazione.

La speranza di questo cambio societario era un mercato più ricco con l’arrivo di diversi big in grado di permettere di colmare il gap che si è creato dalla Juventus. Ma non solo le sue aspettative sono andate deluse pare anche che per le scelte dei prospetti da seguire i cinesi non tengano minimamente conto delle idee manciniane affidandosi ad altri esperti. Per loro alla fine il prezzo non importa, basta che sia un craque(vedi Gabriel Jesus), il tutto però sarà fatto sempre rispettando gli accordi presi a suo tempo con l’UEFA onde evitare ulteriori sanzioni. Pjaca, Berardi, Joao Mario sono giovani di grandi prospettive e nel caso dell’esterno del Sassuolo già pronti per la serie A. Solo che arrivare a lui vista la presenza della Juventus sarà quasi impossibile, Gabbiadini mette d’accordo Mancini e proprietà perché giovane e pronto e perché il tecnico lo segue da tempo anche se trattare con De Laurentiis sarà un’impresa. Riguardo Pjaca sembrava quasi preso ma pare che alla fine a spuntarla sarà una tra Juventus e Milan. In tutta questa confusione c’è un uomo lasciato solo da tutto e tutti: Roberto Mancini.

Lui ha il contratto per un altro anno ma ha già capito che non verrà rinnovato a dispetto delle voci, anzi se la società potesse virerebbe su altri allenatori. Oltre a non essere accontentato sul mercato gli è stata allontanata una figura a lui molto cara: quel Dejan Stankovic da sempre vicino al tecnico. I cinesi dapprima convinti a voler proseguire con lui andando avanti si sono resi conto delle diverse vedute di idee, ma non saranno loro a cacciarlo bensì sperano in un passo indietro che l’allenatore non sembra disposto a fare. Ormai le panchine più importanti, se si esclude quella della nazionale inglese, sono state occupate. Proprio la Premier è il sogno dell’allenatore, li un giorno spera di tornare magari da protagonista. Ma quello sarà il futuro adesso c’è questa nuova stagione in cui il Mancio spera di far ricredere tutti portando la squadra a lottare per traguardi più ambiziosi, solo allora saluterà lasciando quella panchina che, tornasse indietro un anno e mezzo, difficilmente accetterebbe nuovamente.

Mancio sai qual’è il tuo problema? Sei un professionista, ma non l’hai mai amata davvero!

Print Friendly, PDF & Email