Molte le domande su quelle oscillazioni di San Siro

Le anomale oscillazioni dello stadio San Siro preoccupano e pongono molte domane

Stadio San Siro vuoto

Le anomale oscillazioni dello stadio San Siro preoccupano e pongono molte domane

Molte le domande su quelle oscillazioni di San Siro

Tuttosport torna sull’argomento riguardante le oscillazioni sospette di San Siro. “I tifosi della Roma disposti a ridosso di una delle due torri, i sostenitori della Juventus distribuiti ai lati del settore con la parte centrale lasciata libera. Le ultime due partite casalinghe dell’Inter hanno messo in mostra alcune conseguenze pratiche dell’oscillazione anomala del terzo anello blu monitorata durante la partita con l’Atalanta.

 

Le autorità chiamate a valutare la sicurezza prima di ogni partita – in particolare la Commissione provinciale di vigilanza – fin dall’inizio hanno negato l’esistenza di limitazioni vere e proprie all’accesso allo stadio. E il comunicato di Inter Milan della scorsa settimana ha ricordato che le verifiche effettuate sulla struttura hanno confermato la piena agibilità. Ma allora perché i tifosi ospiti vengono posizionati con modalità particolari? E capita anche al pubblico di casa.

In occasione di Inter-Roma i tifosi nerazzurri al terzo anello rosso sono stati sistemati vicini alla torre nord. Invece per Inter-Juventus è stato aperto tutto lo stesso settore. E il terzo anello verde ha ospitato senza problemi 4000 ultrà sostenitori laziali per la semifinale di Coppa Italia. La Prefettura di Milano spiega che vengono osservate modalità di dislocazione particolari perché il Politecnico di Milano sta ancora effettuando alcune verifiche.

Il Dipartimento di Meccanica dell’ateneo milanese ha il compito di monitorare San Siro con un sistema di sensori. Da lì è partita la segnalazione sull’oscillazione anomala. Ma al momento non è possibile sapere di più su quel fenomeno. Quanto tempo è durato? E’ successo una o più volte durante la partita? Era mai successo prima? Poche centinaia di tifosi dell’Atalanta (in una partita finita 0-0) hanno prodotto un’oscillazione superiore a quella di 13.000 scatenati sostenitori dell’Eintracht Francoforte poche settimane prima.

Il professor Gian Michele Calvi – citato nella nota congiunta di Inter e Milan – ha parlato della possibilità che uno stadio entri in risonanza di fronte a un certo ritmo di saltelli al secondo. E’ un fenomeno legato soprattutto ai concerti dove gli spettatori si muovono al ritmo della musica”.

Il Nerazzurro, l’unico vero quotidiano dei tifosi interisti!

Fonte FC INTER NEWS

Print Friendly, PDF & Email