Qualificazione champions Genoa-Roma 1-1

Romero risponde a El Shaarawy, Mirante salva la Roma parando un rigore al 94°. Roma manca l' avvicinamento alla qualificazione.

Romero risponde a El Shaarawy, Mirante salva la Roma parando un rigore al 94°. Roma manca l’ avvicinamento alla qualificazione.

Qualificazione champions Genoa-Roma 1-1

GENOVA – Al termine di un’infinita girandola di emozioni, Genoa e Roma pareggiano 1-1, un risultato che, alla fine, non accontenta nessuna delle due. Né il Genoa che recrimina per un rigore fallito al 96′ e si vede avvicinare dall’Empoli, da stasera a -4, né la Roma che si allontana ulteriormente dal 4° posto, ora distante 3 punti. Il pari è giusto per quanto fatto vedere dalle due squadre sul campo ma per la Roma, che all’82’ era riuscita ad andare in vantaggio, rappresenta l’ennesima occasione sciupata visto che ha subito la 7/a rimonta stagionale, 5/a in trasferta: segno di una difficoltà evidente di tenuta mentale che permane nella squadra, a prescindere dal cambio di allenatore.

RANIERI RILANCIA ZANIOLO, PRANDELLI COL 4-3-3 – Con Kluivert non al meglio per noie muscolari, Ranieri ha deciso di piazzare a destra il rientrante Zaniolo restituendo la maglia da titolare in mediana a Cristante. Poi ha escluso Pastore rialzando Pellegini sulla trequarti. Prandelli ha risposto varando il 4-3-3 con Bessa a supporto di Kouamé e Lapadula, preferito a Pandev. Ha rilanciato Biraschi a destra e ha restituito il posto a Veloso a centrocampo.

PALO DI VELOSO, PRODEZZA DI RADU – Il Genoa è partito determinato mettendo gli ospiti in difficoltà con le verticalizzazioni. I rossoblu ci hanno provato da lontano con Veloso (2), che ha colpito un palo esterno su punizione, Radovanovic e Lapadula e hanno mancato le opportunità più ghiotte con Koumé e con Romero sugli sviluppi di un angolo. La Roma ha replicato colpo su colpo, sfiorando nel primo tempo 4 limpide occasioni per passare: Fazio con un colpo di testa ha trovato la plastica opposizione di Radu, quindi Dzeko e Pellegrini (2) non hanno trovato lo specchio per un soffio.

EL SHAARAWY ILLUDE LA ROMA – Nella ripresa il copione tattico è cambiato: la Roma ha spinto con maggior insistenza, impegnando Radu con Zaniolo e Dzeko, il Genoa ha preferito agire di rimessa, sciupando almeno due buone occasioni con Lapadula. Ranieri ha tentato a dare una scossa ai suoi inserendo Schick e Kluivert per Pellegrini e Zaniolo e proprio dal piede dell’olandese è nato lo 0-1 all’82’: il suo cross, prolungato di testa da Dzeko, è arrivato dalla parte opposta a El Shaarawy che con un gran sinistro al volo in diagonale ha realizzato l’11° gol stagionale.

ROMERO FA 1-1 AL 90′, SANABRIA SCIUPA UN RIGORE AL 96′ – Gara finita? Macché. Il Genoa, ravvivato dagli ingressi di Pandev e Sanabria, ha gettato il cuore oltre l’ostacolo e in pochi minuti ha raddrizzato la partita: l’1-1 lo ha segnato al 90′ Romero con un perfetto colpo di testa su angolo dalla destra di Veloso. Non paga, la squadra di Prandelli ha insistito e al 95′ si è procurata l’occasione per vincere con Sanabria, bravo ad anticipare Mirante su una torre di Kouamé e a farsi stendere in area. Rigore netto che, però, lo stesso Sanabria ha calciato malamente facendosi intuire la conclusione dal portiere giallorosso. Così per la salvezza il Genoa dovrà ancora lottare. Per la Roma, invece, il sogno Champions si allontana sempre più.

GENOA-ROMA 1-1 (0-0)
Genoa (4-3-3): Radu, Biraschi, Romero, Zukanovic, Criscito, Lerager( 38′ st Sanabria), Radovanovic, Veloso , Bessa (47′ st Rolon), Lapadula (28′ st Pandev), Kouamé. ( 93 Jandrei, 1 Marchetti, 3 Gunter, 13 Pezzella, 32 Pereira, 33 Lakicevic, 22 Lazovic, 99 Schafer, 26 Dalmonte). All. Prandelli.
Roma (4-2-3-1) Mirante, Florenzi (43′ st Karsdorp), Manolas, Fazio, Kolarov, Cristante, Nzonzi, Zaniolo (25′ st Kluivert), Pellegrini (21′ st Schick), El Shaarawy, Dzeko. (1 Olsen, 63 Fuzato, 5 Jesus, 15 Marcano, 17 Under, 19 Coric, 27 Pastore).
Arbitro: Mazzoleni di Bergamo 6.
Reti: al 37′ st El Shaarawy, 45′ st Romero.
Angoli: 7 a 4 per la Roma.
Recupero: 0′ e 4′.
Ammoniti: Zaniolo, Criscito, Kluivert, Rolon per gioco scorretto.
Spettatori: 11.300 circa di cui 2.699 paganti.

Il Nerazzurro, l’unico vero quotidiano dei tifosi interisti!

Fonte Repubblica