Volata Champions: Spal Milan 2-3 buona partita di entrambe vincono i rossoneri

Decide un rigore di Kessié ma non basta per la Champions.

Il Milan ci prova, ma non basta: prossimo anno sarà Europa League

Decide un rigore di Kessié ma non basta per la Champions

Volata Champions: Spal Milan 2-3 buona partita di entrambe vincono i rossoneri

Il Milan ha giocato una partita doppia, a tratti tripla, almeno fino a quando il Sassuolo ha retto, ovvero prima dell’espulsione di Berardi che ha spianato la strada verso la Champions all’Atalanta.

 

I rossoneri hanno accarezzato per tutto il primo tempo il sogno di rientrare in Europa dalla porta principale, lo hanno riassaporato più volte nel secondo tempo, merito e colpa di un Inter-Empoli che ha regalato emozioni a non finire.

Ma a Ferrara si è giocata una partita vera, dove la Spal non ha regalato niente, anzi, ha combattuto fino all’ultimo minuto per cercare di impreziosire il suo campionato con un altro successo di prestigio.

Bravo il Milan che, a inizio gara, ha saputo indirizzare il match grazie ai gol di Calhanoglu Kessié, salvo poi distrarsi troppo tendendo l’orecchio agli altri campi interessati nella corsa Champions. Vicari prima e Fares, poi, entrambi di testa, stavano per rendere vano qualsiasi risultato provenisse da altrove.

Gattuso è poi riuscito a spronare di nuovo i suoi e un’ingenuità di Cionek ha causato il rigore per fallo su Piatek, realizzato da Kessié per la sua doppietta personale. Nonostante il vantaggio, il Milan non ha potuto distrarsi, ha provato a sfruttare, senza effetti, gli spazi concessi, e poi ha rischiato di subire il 3-3 da Floccari (traversa).

Mentre a San Siro si alternavano gioie, dolori e di nuovo gioie, mixate a follia per l’Inter, a Ferrara si consumava la delusione di un Milan che, a un certo punto della stagione, aveva in mano la qualificazione alla Champions.

Tutto da rifare per i rossoneri, nonostante, come ha spiegato Gattuso, il quarto posto non fosse obiettivo obligatorio. La bocca buona se l’erano fatta tutti, da domani bisognerà pensare alla nuova stagione (in Europa League), che sia di rivoluzione o di consolidamento, il tempo lo dirà.

Il Nerazzurro, l’unico vero quotidiano dei tifosi interisti!

Fonte SkySport

Print Friendly, PDF & Email