Wenger saluta l’Arsenal dopo 22 anni

Il saluto dopo 22 anni di soddisfazioni a Londra

Il tecnico alsaziano lascia dopo oltre due decadi in cui ha segnato un’epoca, portando lo stile continentale in Inghilterra e centrando vittorie importanti.

Adesso che è finita, dopo 22 anni, forse i tifosi dell’Arsenal rivaluteranno la figura di Arsene Wenger. Il tecnico francese, che ha scritto pagine indimenticabili nella storia dei Gunners, era finito ormai da qualche stagione nell’occhio del ciclone, diventando per i fan un bersaglio, la rappresentazione di un club, una società, che sembrava essersi rassegnata a non vincere e persino a non cambiare mai.

Eppure Arsene Wenger ha rappresentato a suo tempo un cambiamento epocale, non soltanto per l’Arsenal ma per l’intero movimento calcistico inglese. Fu lui a introdurre in Premier League il cosiddetto “stile continentale”, avvicinando il calcio dei “Maestri” a quello forse più spettacolare – e decisamente più vincente – dei maggiori club europei.

Primo manager dell’Arsenal a non provenire dalle isole britanniche, Arsene Wenger ha trasformato i Gunners in una delle più grandi potenze calcistiche d’Inghilterra: e se è vero che non è mai riuscito a far compiere al club l’ultimo, importantissimo, passo verso la gloria continentale è altrettanto vero che certe vittorie dei londinesi resteranno nella storia per sempre, e che la sua eredità – anche economica, visti i tanti giovani valorizzati – permetterà all’Arsenal di ripartire da una buonissima base. 

Fonte Fox Sports

Print Friendly, PDF & Email