Vai al contenuto

Importante novità sul VAR in Premier League: ecco cosa accadrà a giugno

Il prossimo 6 giugno 2024 le squadre di Premier League voteranno per abolire il VAR: per farlo sarà necessario ottenre una maggioranza di due terzi.

Lo aveva chiesto il Wolverhampton ed ora, la proposta del club inglese allenato da Gary O’Neil, verrà discussa il prossimo 6 giugno 2024 durante una riunione istituzionale. La Premier League, come organizzazione, non nasconde la sua contrarietà a questa mozione, ma ritiene giusto il diritto del club promotore di poter far valere la propria opinione. Gli occhi di tutto il mondo sono, quindi, puntati a ciò che succederà il prossimo mese nel campionato più seguito al mondo.

Il VAR è stato introdotto in Inghilterra a partire dalla stagione 2019/2020 (la Premier è stato l’ultimo dei top 5 campionati europei ad accogliere la novità) e, come avviene nelle altre competizioni, questo strumento si applica a specifiche situazioni di gioco come eventuali calci di rigore, espulsioni e situazioni di fuorigioco. In base a ciò che riporta la BBC Sport, nel campionato inglese la percentuale di decisioni corrette prese dagli arbitri dal momento in cui il VAR è stato introdotto è passato dall’82 al 96%, ma questo non ferma certo una percentuale di tifosi e addetti ai lavori che si dichiarano contrari a questo strumento (tra questi Thomas Frank, tecnico del Brentford e Roy Hodgson, ex Crystal Palace).

Quest’anno ci sono stati poi alcuni errori eclatanti che in epoca VAR si sarebbero dovuti gestire meglio e questo ha scatenato molte polemiche non tanto sulla tecnologia, quanto piuttosto sul modo in cui questa viene impiegata. Nel comunicato presentato dal Wolverhampton si legge: “La nostra posizione è che il prezzo che stiamo pagando per un piccolo aumento di precisione è in contrasto con lo spirito del gioco e, di conseguenza, dovremmo eliminarlo dalla stagione 2024/25 in poi”. 

Affinché passi la proposta dei Wolves, che verrà discussa e votata il 6 giugno in occasione della prossima assemblea dei club, sarà necessario raggiungere la maggioranza dei due terzi, ossia 14 voti su 20. Per sapere ciò che ne sarà del VAR in Inghilterra, sarà necessario cooscere soprattutto l’opinione di tutti quei club che finora non si sono mai sbilanciati, tra cui il Liverpool ed il Machester City.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni