Vai al contenuto

L’ha ripresa Vecino! Quel Lazio-Inter 2-3 decisa dalla “garra” sudamericana

vecino esulta per il gol vittoria
CONDIVIDI:
Banner Libro

Lazio-Inter 2-3, stagione 2017/2018: la partita che ha riportato i nerazzurri in Champions League dopo 7 anni di assenza.

Stadio Olimpico di Roma, ultimo atto della Serie A 2017/2018, un vero e proprio spareggio Champions con vista sulla competizione per club più prestigiosa d’Europa. I biancocelesti senza sconfitte nelle precedenti quattro partite contro i nerazzurri che invece ne avevano vinte due e perse altrettante, una sfida all’ultimo respiro per il quarto posto e anche per il titolo di miglior marcatore conteso da Ciro Immobile e Mauro Icardi.

La formazione dell’Inter, guidata da Luciano Spalletti, era la seguente: 4-2-3-1 con Handanovic tra i pali, Cancelo, Skriniar, Miranda e D’ambrosio in difesa, Vecino e Brozovic a fare da intermediari, sulle fasce Candreva e Perisic con Rafinha trequartista alle spalle dell’unica punta Icardi.

Nei primi 10′ minuti di gioco arriva subito il primo brivido per i nerazzurri con un tiro alto di Luiz Felipe dal limite dell’area piccola su ottimo traversone dello scatenato Milinkovic Savic, che poco dopo impegna Handanovic con un pericolosissimo colpo di testa. È proprio il serbo al 9′ a imbeccare Marusic che colpisce di prima, trova la sfortunata deviazione di Perisic e insacca sul secondo palo per fare 1-0.

Solo un’occasione per gli ospiti con il pallone sui piedi di Maurito Icardi che, a tu per tu con Strakosha, spedisce largo, prima che i biancocelesti si facciano vedere ancora con il solito Milinkovic Savic che stampa il palo su calcio di punizione. Al 29′ finalmente arriva il pari: corner di Brozovic e mischia confusa davanti alla porta dell’estremo difensore della Lazio, D’Ambrosio è il più lesto e al secondo tentativo mette la palla in rete. La prima frazione di gioco, comunque, vede sorridere la formazione di Inzaghi: al 41′ Felipe Anderson, in una ripartenza letale iniziata da Lulic, riporta la sua squadra in vantaggio battendo Handanovic nell’uno contro uno.

Nei secondi 45′ di gioco succede tanto e i ritmi sono forsennati: entrambe le squadre spingono e si rendono pericolose, nell’Inter entrano Karamoh e Eder per dare freschezza e al minuto 78′ arriva l’episodio che indirizza la partita nel verso giusto per Spalletti. Atterrato in area Icardi che, dal dischetto, spiazza Strakosha e raggiunge Immobile a quota 29 reti in campionato. Tra Lazio e Inter è di nuovo tutto in equilibrio. La gara si innervosisce e si rischia anche di perdere il controllo quando un minuto dopo arriva il cartellino rosso per Lulic, ma nessuna delle due formazioni sembra voler cedere.

Passano appena tre minuti e il forcing nerazzurro dà i suoi frutti: altro tiro dalla bandierina di Brozovic e stacco imperioso di Matias Vecino, che spizza il pallone di testa e trova il rimbalzo giusto per fare il clamoroso 3-2. Con la rete dell’uruguayano, che domenica ritroverà l’Inter da avversario, si chiude la gara in modo rocambolesco: esplode il settore ospiti perché l’Inter torna nell’Europa che conta dopo 7 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati