Vai al contenuto

Salta la coreografia della Curva Nord per Inter-Atletico: ecco cosa è successo

Curva Nord Inter cosa è successo. L’annuncio, a poche ore dalla sfida contro la Salernitana prima di gettarsi a capofitto in Champions League, è comparso qualche ora fa sui social ufficiali di Curva Nord. Contro l’Atletico Madrid di Simeone, il secondo verde non esporrà la coreografia a cui si stava lavorando già da diverso tempo. Non solo. Come fanno sapere i responsabili del settore più caldo della tifoseria nerazzurra, non saranno nemmeno autorizzate le bandiere e l’impianto con il microfono.

Il provvedimento contro la Nord arriva probabilmente a seguito degli episodi che si sono verificati dopo lo scontro diretto contro la Juventus di domenica 4 febbraio. Intorno alla mezzanotte, fuori dal Meazza si è scatenata una guerriglia tra tifosi e forze dell’ordine che ha portato all’arresto di due persone e all’emissione di DASPO per tutte e 50 le persone identificate. Le autorità sono comunque ancora al lavoro per cercare di identificare gli altri presenti.

Curva Nord Inter cosa è successo e perché salta la coreografia

coreografia medusa curva nord

Solo oggi arriva il comunicato ufficiale della Nord che, attraverso i suoi canali ufficiali, ha reso noto il provvedimento a. Qui di seguito il comunicato:

Cari interisti, ci aspettano tante battaglie importanti, purtroppo a causa dei recenti avvenimenti in curva non ci saranno bandiere, impianto col microfono e la coreografia prevista con l’Atletico purtroppo non verrà realizzata. Paghiamo dazio e ce ne assumiamo la totale responsabilità, sia chiaro, e soprattutto faremo in modo di non cadere di nuovo in errore. Alla luce di ciò, abbiamo perso tanti ragazzi dediti alla causa, ma questo ci deve dare la forza di compattarci e andare avanti tutti insieme. Ognuno di noi dovrà dare il 110% perché per sopperire all’impianto bisognerà seguire i ragazzi della transenna, solo aiutandoci tra di noi e serrando i nostri ranghi ne usciremo più forti. Saranno mesi duri ma nonostante ciò se ognuno di noi fa la sua parte saremo ancora una volta la curva migliore d’Italia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni