Vai al contenuto

Sapete perché si chiama derby d’Italia? La storia dietro Inter-Juventus

Perché si chiama derby d’Italia. La rivalità più accesa d’Italia, Inter-Juventus ci regalerà un altro capitolo di questa storia senza fine. Questa sfida, che riguarda da sempre due stili molto differenti e che coinvolge tutta l’Italia prende anche il nome di “derby d’Italia”. Ma come mai questo appellativo?

Il termine fu coniato dal grande giornalista Gianni Brera nel 1967 e stava ad indicare la sfida tra le due squadre che avevano più scudetti in bacheca, all’epoca la Juventus con 12 e l’Inter che aveva appena raggiunto il 10° titolo, aggiungendo la prima stella. Un procedimento molto simile a quello che la squadra di Inzaghi spera di fare a fine stagione, conquistando il 20° titolo nerazzurro e aggiungendo la seconda stella.

Perché si chiama derby d’Italia

Tornando al significato di questa sfida, il termine derby d’Italia è stato rinnegato a partire dal 2006, anno in cui la Juventus è retrocessa in Serie B, annullando per molti tifosi la rivalità degna del “derby d’Italia”, considerato anche come la sfida tra le due squadre che mai erano retrocesse. Ma il termine, come già detto è stato coniato nel 1967 da Gianni Brera e voleva indicare le due squadre con il maggior numero di scudetti, tant’è che in quel momento il Milan non era mai retrocesso prima. Retrocessione che avverrà prima nel 1980, in seguito allo scandalo calcio scommesse e la seconda volta due anni più tardi.

Ma Inter contro Juventus era una sfida di egemonia, da una parte i Moratti e dall’altra gli Agnelli. Insomma, le condizioni per poter continuare a chiamare questa sfida “derby d’Italia” sembrano esserci ancora, con la squadra di Torino che ha dominato i campionati degli anni 2010 con la conquista di ben 9 titoli di seguito, 5 coppe Italia e 5 supercoppe, con l’Inter che ha raccolto il testimone con la conquista dello scudetto nel 2021 e con l’apertura di un ciclo vincente che ha visto la squadra di Inzaghi collezionare 5 trofei da quando il tecnico piacentino è arrivato nell’estate post-scudetto. L’obiettivo di questa stagione, come detto è lo scudetto e il conseguimento della tanta agognata seconda stella.

Negli anni la struttura del derby d’Italia ha vacillato, prima con la retrocessione della Juventus nel 2006 a seguito dello scandalo di Calciopoli e successivamente da una curiosa alleanza bianco-rossonera, con Adriano Galliani che in più occasioni ha cercato di far parte della contesta, sostenendo come il vero Derby d’Italia si debba giocare tra chi possiede più titoli a livello nazionale, la Juventus, e chi ha conquistato più trofei in ambito internazionale, il Milan.

Tentativo non riuscito in quanto tuttora ci si rivolga ad Inter-Juve con l’appellativo di “Derby d’Italia”, frutto anche di una rivalità storica che è andata spesso oltre il rettangolo di gioco.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts