Vai al contenuto

Sommer, ecco i record che può ancora raggiungere sino a fine stagione

La prima stagione di Yann Sommer all’Inter è stata sensazionale. I numeri lo premiano e presto potrebbe togliersi nuove soddisfazioni: nel mirino due record.

Yann Sommer è arrivato all’Inter l’estate scorsa con l’arduo compito di non far rimpiangere Andrè Onana, appena ceduto al Manchester United per circa 57,5 milioni di euro complessivi. L’elvetico non solo ci è riuscito, ma addirittura è riuscito ad assicurare prestazioni migliori rispetto a quelle del suo predecessore. Il numero uno dei nerazzurri è stato uno dei principali artefici dello scudetto, grazie alle parate e alla sicurezza che ha saputo garantire durante tutto l’arco della stagione.

Anche i numeri lo premiano. Fino a questo momento è stato infatti in grado di far registrare ben 19 clean sheet nelle 33 partite giocate in campionato nel corso di questa stagione. Nell’era dei tre punti, nessun portiere della storia dell’Inter era mai arrivato ad accumularne così tante. Prima di questa stagione, in testa a questa particolare classifica c’erano due numeri uno storici del club come Julio Cesar e Samir Handanovic. Entrambi si erano spinti al massimo a 17 clean sheet in un campionato. Il brasiliano ci riuscì nel 2009/10, lo sloveno sia nel 2017/18 che nel 2018/19. In queste ultime due giornate di Serie A però Sommer avrà l’occasione di entrare nella storia del massimo torneo nazionale italiano.

Mancano due soli clean sheet a Sommer per entrare di diritto nella storia della Serie A. Nessun portiere si è mai spinto oltre le 21 partite senza subire goal in un singolo campionato. Se Sommer riuscisse a non subire alcun gol nelle ultime due giornate rimanenti, che vedranno i nerazzurri affrontare prima la Lazio a San Siro e in seguito l’Hellas Verona in trasferta, entrerebbe nella cerchia dei portieri da record.

Solo cinque numeri uno sono riusciti ad arrivare a tale cifra nella storia della Serie A. Ivan Provedel è l’ultimo ad esservi riuscito e lo ha fatto lo scorso anno con la Lazio. Per il secondo nome non serve spostarsi dalla capitale; nel 2013/14 Morgan De Sanctis, che all’epoca militava nella Roma, mantenne la propria porta inviolata per 21 volte. L’ultimo portiere ad asservici riuscito, addirittura ben tre volte, è il leggendario Gianluigi Buffon. L’ex capitano della nazionale realizzò il record nel 2006/07, nel 2011/12 e nel 2015/16. Chiudono il gruppo dei portieri da record due ex rossoneri: Sebastiano Rossi (1993/94) e Fabio Cudicini (1968/69). Sommer potrebbe presto entrare a far parte di questa elite.

I clean sheet condurrebbero l’Inter ad un nuovo record

Ma non solo, se Sommer riuscisse nell’impresa di mantenere la propria porta inviolata contro Lazio e Hellas Verona, l’Inter metterebbe a segno un nuovo record in questa splendida annata. La squadra di Simone Inzaghi ha fino a questo momento subito 19 gol in campionato. Se dovesse concludere il proprio campionato senza incassarne altri, sarebbe la formazione con meno goal subiti della storia della Serie A a 20 squadre.

Per ora il record appartiene alla Juventus, che ben due volte nella propria storia, nel 2011/12 e nel 2015/16, è riuscita a chiudere un campionato subendo soli 20 gol nell’arco della stagione. L’Inter potrebbe riuscire a centrare il record grazie non solo a Yann Sommer, ma anche a Emil Audero, capace di mantenere la propria porta inviolata in ben due occasioni nel corso di questa stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli