Vai al contenuto

Superlega, tutto quello che c’è da sapere: 64 squadre, 3 leghe e streaming gratuito

Nella giornata di oggi, la Corte di Giustizia europea si è pronunciata in merito alla questione relativa a Fifa e Uefa, dichiarando come il loro monopolio sia “contro le norme su libera concorrenza”. A seguito della sentenza, A22 Sports ha presentato il progetto della nuova Superlega, elencando le caratteristiche e il format di quest’ultima. La struttura risulterebbe rivista e differente rispetto alla proposta originale, avvenuta nel 2021, e prevedrebbe la partecipazione di 64 squadre, divise in 3 leghe differenti.

La struttura della competizione

Le 64 squadre sarebbero suddivise in tre leghe differenti, rispettivamente chiamate Star, Gold e Blue. In ognuna delle prime due vi sarebbero 16 squadre, organizzate in due gironi da 8. Nell’ultima lega, la Blue, parteciperebbero invece 32 squadre, divise in 4 gruppi da 8 squadre. Le attribuzioni del merito per la selezione alle varie leghe avverrà nel primo anno in base ad un indice che seguirà criteri basati sulle prestazioni dei club. Potrebbe essere perseguita anche l’idea di un possibile Fair Play Finanziario, con l’introduzione di “efficaci regole di sostenibilità finanziaria e processi di applicazione trasparenti per garantire condizioni di parità tra i club partecipanti”.

Le modalità

Le fasi a gruppi della nuova Superlega si svolgerebbero da settembre ad aprile, periodo che vedrebbe le sfide di andata e ritorno tra squadre della stessa lega. Le fasi finali inizierebbero dai quarti di finale, con 8 squadre per ogni lega che supererebbero i gironi. Nella lega Star e nella Gold accederebbero alle fasi finali le prime 4 squadre di ogni gruppo, mentre nei quattro gruppi della lega Blue si qualificherebbero le prime due squadre classificate di ogni girone.

I quarti e le semifinali vedrebbero gare di andata e ritorno, mentre la finale si disputerebbe in campo neutro. Al termine della competizione vi sarebbero quindi tre vincitori, ognuno per la lega corrispondente.

Il torneo vedrebbe infine l’introduzione di un sistema di promozioni e retrocessioni, con le ultime due squadre della lega Star che finirebbero nella Gold e conseguentemente le prime due di quest’ultima che avanzerebbero nella prima. Lo stesso avverrebbe tra lega Gold e Blue. Ogni anno 20 club su 32 della lega Blue lascerebbero la Superlega e verrebbero rimpiazzate da altrettante squadre, selezionate in relazione ai risultati ottenuti nei rispettivi campionati nazionali.

I ricavi

Per quanto riguarda i ricavi, A22 Sports evidenzia come “i ricavi durante i primi tre anni della nuova competizione saranno garantiti per un importo superiore a quello attualmente previsto nel prossimo ciclo. I pagamenti di solidarietà saranno pari all’8% dei ricavi della Lega, con una somma minima di 400 milioni di euro, più del doppio dell’importo distribuito dall’attuale competizione paneuropea”.

La vera novità sarebbe la visione gratuita delle partite per tutti i tifosi del mondo. I guadagni arriverebbero da abbonamenti premium e varie partnership.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stefano Carriero

Stefano Carriero