Vai al contenuto

Superlega, l’Inter si dichiara contraria. Ma un inserimento futuro non è da escludere

Superlega logo
CONDIVIDI:
Banner Libro

La sentenza odierna espressa dalla Corte di Giustizia europea sta innescando una giornata estremamente movimentata nel mondo del calcio, con organi europei e club di vari campionati che si stanno esponendo in merito alla questione Superlega. In queste ore hanno già preso posizioni contrarie a questo progetto società come Manchester United, Bayern Monaco, Atletico Madrid, PSG e Roma. Poco fa, alla lista dei club che hanno rilasciato un comunicato al riguardo, si è aggiunta anche l’Inter, che si dichiara temporaneamente a sfavore dell’idea della Superlega. Dal comunicato ufficiale rilasciato sul sito della società si evince come la posizione del club rimanga sulla convinzione che soltanto la cooperazione tra i club con FIFA e UEFA possa garantire il futuro del calcio in Europa, rimarcando come la società nerazzurra rimanga solidamente legata ai valori tradizionali caratteristici di quest’ultimo.

La posizione di Real Madrid e Barcellona

Il club di Viale della Liberazione si allinea dunque alla lista delle squadre attualmente contrarie, mentre le grandi società che propugnano il progetto Superlega rimangono Real Madrid e Barcellona, fortemente convinte che la proposta di A22 Sports rappresenti il futuro del calcio europeo. Questa mattina i due club si sono dimostrati molto soddisfatti della decisione della Corte di Giustizia europea, con Florentino Perez che la ha definita una “sentenza storica“, etichettando la giornata di oggi come una di quelle che “segnerà un prima e un dopo”. Qualche minuto dopo è arrivato anche il comunicato della società catalana, che si è mostrata soddisfatta della situazione, asserendo come “la sentenza apra la strada a una nuova competizione calcistica di massimo livello in Europa, manifestando contro la figura del monopolio nel mondo del calcio”.

Gli scenari futuri

A quanto emerge dalla giornata di oggi dunque i club fautori e determinati riguardo al progetto Superlega rimangono Real Madrid e Barcellona, tra i primi a far luce su apparenti problematiche del calcio di oggi in termini di visibilità e di intrattenimento. Se dunque alla lista dei club che si sono esposti come contrari al progetto continueranno ad aggiungersene altri, sarà difficile pensare ad una reale fattibilità di quest’ultimo.

La società nerazzurra al momento sembra inamovibile anch’essa su questa idea. Sarà tuttavia necessario seguire l’evoluzione della faccenda dopo lo spartiacque odierno e capire fino a che punto la proposta di A22 Sports cercherà di convincere i club, con la promessa di ricavi notevolmente aumentati ed una visibilità garantita ad un pubblico sempre più esteso. Potenziali ripensamenti potrebbero avvenire alla luce di un format rivisto basato sul merito sportivo, altrimenti se il progetto dovesse continuare a trovare di fronte a sé opinioni avverse, verosimilmente potrebbe decadere e non delinearsi come il futuro del calcio europeo, fallendo (almeno temporaneamente) per la seconda volta nella sua storia dopo l’aprile del 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stefano Carriero

Stefano Carriero