Vai al contenuto

Tonali senza pace: deferito dalla FA. Avrebbe scommesso anche in Inghilterra

Tonali senza pace: deferito dalla FA. Il momento buio per Sandro Tonali continua anche in Inghilterra.

Dopo la squalifica per calcioscomesse rimediata ad ottobre, arriva un’altra stangata per il centrocampista ex Milan e della Nazionale.

Tonali differito dalla FA. Imputate scommesse su 50 partite tra agosto e ottobre

L’accusa della Federazione inglese nei confronti del centrocampista italiano è quella di aver continuato a scommettere su partite di calcio anche dopo il trasferimento in Inghilterra.

L’indagine che ha portato alla sanzione di Tonali è infatti riferita al periodo in cui Tonali era un tesserato del Milan e giocava nel campionato italiano. Dal momento del suo trasferimento in Inghilterra, la procura italiana non ha più indagato.

Dall’altra parte però, dal momento in cui il calciatore ha ammesso la propria ludopatia, la federcalcio inglese ha aperto un indagine che andasse a verificare proprio il periodo tra il suo trasferimento in Premier fino al momento della condanna a ottobre.

Tonali differito dalla FA. Imputate scommesse su 50 partite tra agosto e ottobre

Dall’indagine della federcalcio inglese è emerso come Tonali abbia continuato a scommettere anche nel periodo tra Agosto e Ottobre su 50 partite di calcio.

Il Newcastle ha diramato un comunicato ufficiale, apprendendo la notizia e confermando come il giocatore stia collaborando con le indagini.

Il Newcastle United riconosce un’accusa di cattiva condotta ricevuta da Sandro Tonali in relazione a presunte violazioni delle regole sulle scommesse della FA. Sandro continua a rispettare pienamente le indagini pertinenti e conserva il pieno sostegno del club. A causa di questo processo in corso, Sandro e il Newcastle United non sono in grado di offrire ulteriori commenti in questo momento

Ad oggi Tonali è stato deferito e non condannato, come successo in Italia, e per lui si prospettano dunque due strade: essendo già destinato a un periodo di inattività prolungato, la FA potrebbe decidere di non modificare nulla e lasciare l’attuale squalifica; il secondo scenario è quello più duro, dove la FA potrebbe decidere di rincarare la dose, aumentando il periodo della squalifica, considerando anche l’alto numero di partite giocate in soli due mesi.

Una vicenda triste che riguarda un ragazzo che veniva considerato solo un’anno fa come uno dei prospetti più importanti del calcio italiano, capitano e possibile bandiera del Milan e pilastro della nazionale del futuro.

In un anno, Sandro ha perso tutto: la squadra del cuore, il Milan, la Nazionale e ora rischia anche di perdere la possibilità di giocare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts