Vai al contenuto

Ufficializzato il nuovo format della prossima Champions League: la guida completa

Nuovo format Champions League. A partire dalla prossima stagione, la Champions League cambia format, aumentando il numero di squadre partecipanti, che da 32 diventano 36, e così si disputeranno più partite. Ma vediamo nel dettaglio come funziona questo nuovo format.

La prima grande rivoluzione riguarda l’eliminazione dei classici gironi di quattro squadre, a favore di un unico grande girone, un pò come quelli dei campionati, in cui partecipano tutti i club. Gli accoppiamenti verranno comunque sorteggiati, con ogni squadre che disputerà otto partite, contro otto diversi club, con quattro partite giocate in casa e quattro in trasferta.

I 36 club continueranno ad essere divisi in 4 fasce, basandosi sul coefficiente UEFA, ovvero i risultati ottenuti nelle ultime 5 stagioni. Questo criterio rimane fondamentale, in quanto nelle 8 partite che ogni squadra dovrà disputare, due di queste saranno contro squadre provenienti dalla prima fascia (una in casa e una in trasferta), due dalla seconda fascia e così via.

Come cambia il nuovo format della Champions League

Champions League a Milano

La UEFA ha deciso di modificare un formato ormai decennale e consolidato per il trofeo europeo più importante, in modo da garantire più partite per ogni squadra, e così incassare più soldi.

Come detto, ci sarà un girone unico ed al termine delle otto partite, le prime otto classificate si qualificheranno direttamente agli ottavi di finale, mentre i club piazzati dal nono al 24esimo posto si affronteranno in un playoff, con il vincente che andrà agli ottavi, mentre gli sconfitti verranno eliminati definitivamente, senza alcuna retrocessione in Europa League.

Da questo momento in poi, tutto rimane uguale, con la classifica fase ad eliminazione diretta con gare di andata e ritorno, e finale in gara secca.

Ci sono novità per quanto riguarda il calendario, con la Champions League che si giocherà dal martedì al giovedì, in una settimana dove le altre due competizioni europee non si disputeranno, sempre negli orari delle 18.45 e 21.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto