Home Uomini e Campioni I migliori giocatori italiani degli ultimi 15 anni

I migliori giocatori italiani degli ultimi 15 anni

I migliori giocatori italiani degli ultimi 15 anni. I pareri raccolti portano a designare l'ottavo Re di Roma quale miglior giocatore italiano degli ultimi 15 anni.

I migliori giocatori italiani degli ultimi 15 anni

I pareri raccolti portano a designare l’ottavo Re di Roma quale miglior giocatore italiano degli ultimi 15 anni.

I migliori giocatori italiani degli ultimi 15 anni. I pareri raccolti portano a designare l’ottavo Re di Roma quale miglior giocatore italiano degli ultimi 15 anni.

La medaglia d’oro va ad una delle più grandi leggende del calcio italiano, lo storico capitano della Roma Francesco Totti, conosciuto in tutto il mondo per il suo attaccamento alla maglia giallorossa. Nella sua lunga carriera il numero 10 può vantare diversi record, tanto per restare in tema e citarne uno: è il marcatore più anziano nella storia della Champions League, con l’ultimo gol segnato a 38 anni e 59 giorni. È inoltre il secondo miglior marcatore di sempre della Serie A, con l’ultimo gol che arrivò il 25 settembre del 2016, nella partita contro il Torino, due giorni prima del suo quarantesimo compleanno.

Nella sua lunga e straordinaria carriera vissuta interamente con la maglia della Roma, Totti ha condotto la sua squadra a traguardi importantissimi. Su tutti spicca lo scudetto conquistato nella stagione 2000/01, con Fabio Capello in panchina e al termine di un estenuante duello con la Juventus. Successi di squadra (oltre al terzo tricolore della storia romanista, anche due Coppe Italia e due Supercoppe Italiane) ma anche individuali, che hanno contribuito a rendere Totti uno dei più importanti fuoriclasse del calcio italiano e mondiale. Tutti i record raggiunti da Er Pupone (come affettuosamente lo hanno chiamato i tifosi fin da ragazzo) con la maglia della Roma.

I numeri talvolta possono sembrare aridi per rappresentare la grandezza di un artista del pallone come Totti, ma descrivono alla perfezione che cosa abbia rappresentato questo straordinario fuoriclasse nella storia della Roma. Difficilmente una statistica giallorossa non lo vede al primo posto, a cominciare da quelle riguardanti le presenze. Totti è infatti al comando in fatto di gare disputate con la maglia della Roma (786), così come sul piano delle presenze in Serie A (619) e nelle competizioni UEFA per club (103).

Riconosciuto universalmente come uno dei migliori attaccanti della storia del calcio, Totti ha raggiunto con la Roma anche importanti record dal punto di vista realizzativo. Con 307 gol è il miglior marcatore della storia giallorossa: primato a cui va aggiunto quello dei gol in Serie A con la casacca romanista (250). Una collezione infinita di perle di rara bellezza, tra le quali ne spiccano due: una per importanza e una per bellezza. Il primo è il gol del momentaneo 1-0 nella sfida contro il Parma che consegna alla Roma lo scudetto 2000-01, mentre l’altro è il tiro al volo di sinistro contro la Sampdoria nel campionato 2006-07 (che gli vale l’applauso di tutto il Ferraris).

Non sono finiti qui i primati di Totti sul piano dei gol con la maglia della Roma. Il Pupone è infatti primo anche per marcature nelle competizioni UEFA per club (38) e reti nel derby della capitale (11). Due le stracittadine rimaste nel cuore di Totti più di altre: il 3-3 della stagione 1998-99 (in cui segna il suo primo gol alla Lazio) e il 5-1 del campionato 2000-01 (suggellato da un suo beffardo cucchiaio dopo il poker di Vincenzo Montella).

Gli innumerevoli primati raggiunti da Totti con la maglia della Roma hanno permesso al fuoriclasse cresciuto a Porta Metronia di occupare un posto importante nella storia del calcio italiano e mondiale, non solo in quella giallorossa. I suoi record, infatti, talvolta escono dalla dimensione prettamente romanista. Attualmente risulta il terzo giocatore con più presente nella storia della Serie A dietro a Paolo Maldini (648) e Gianluigi Buffon (641) mentre, in fatto di marcature nel massimo campionato italiano di calcio, è secondo solo a Silvio Piola (primo a quota 274).

La sua longevità, unita a doti realizzative non comuni, lo ha portato ad andare in gol in Serie A per 23 stagioni consecutive. Un’impresa che lo rende unico nella storia del calcio italiano, così come per il numero di campionati conclusi in doppia cifra (ben 12, di cui nove consecutivi). Tra gli allori personali di Totti, infine, uno dei più prestigiosi è la Scarpa d’Oro conquistata nella stagione 2006-07 (unico italiano vincitore del trofeo insieme a Luca Toni, che aveva trionfato nella stagione precedente).