Vai al contenuto

Verona-Inter, le pagelle: Arnautovic e Frattesi super, Acerbi affonda

frosinone-inter-rete-arnautovic
CONDIVIDI:
Banner Libro

Audero 6- Incolpevole sul gol dell’1-0, forse poteva fare qualcosa di più sulla conclusione di Suslov.

Bisseck 5,5 Svagato quando deve difendere, meno propositivo del solito in fase di spinta.

Acerbi 5+ Noslin lo mette in croce più di una volta. La punta olandese segna, serve un assist e gli va via a piacimento perché ha un altro passo.

Carlos Augusto 6 Prestazione solida, è l’unico del terzetto difensivo a giocare una partita attenta e senza sbavature. Resiste alle folate veronesi e dà pure una mano quando c’è da costruire.

Dumfries 6 Ordinato, presidia con sicurezza la fascia destra ma fatica a rendersi pericoloso nell’ultimo quarto di campo.

Barella 5,5 La palla persa da cui nasce l’azione del 2-1 è un errore da matita blu. Corre tanto ma spesso a vuoto, si riscatta parzialmente con il lancio per Frattesi che porta al pareggio di Arnautovic.

Calhanoglu 6 Nel primo tempo soffre terribilmente l’aggressività del centrocampo gialloblù ma nella ripresa, quando il ritmo della partita si abbassa, prende in mano le redini della manovra. Al 70′ impegna Perilli con un bolide dalla distanza.

Frattesi 7- Prova a segnare in tutti i modi: di testa, di potenza e con il tocco morbido ma Perilli e la sfortuna si oppongono. È un pericolo costante per la difesa dell’Hellas e non molla un centimetro quando deve rincorrere gli avversari.

Dimarco 6+ I fischi assordanti dei suoi ex tifosi non lo deconcentrano, dal suo sinistro nascono spesso situazioni pericolose.

Thuram 6+ Più che un attaccante sembra un maratoneta. Allunghi e corse a perdifiato per un’ora e mezza abbondante. Gara di grande sacrificio ma sotto porta è un fantasma.

Arnautovic 7,5 Stappa il match con furbizia e prepotenza, beffando Coppola e rimanendo freddo davanti a Perilli. Il raddoppio è da bomber puro. Tra un gol e l’altro un paio di giocate di alta scuola e tante sponde per i compagni.

 

Inzaghi 6 Il Verona mette in campo un’intensità impressionante per un match di fine campionato e lui dalla panchina può fare poco per raddrizzare la partita. Quando i padroni di casa abbassano leggermente i giri del motore, si rivedono alcune delle giocate codificate tipiche dell’Inter del Demone.

 

Subentrati 

dal 56′ Cuadrado 6- Prova un paio di sgasate ma lo scatto non è più quello dei tempi belli.

dal 56′ Buchanan 6 Un traversone pericoloso subito dopo essere entrato, punta sempre l’uomo ma produce più fumo che arrosto.

dal 56′ Sanchez 6,5 Gironzola per il campo a dispensare qualità, un pallonetto vellutato si insacca alle spalle di Perilli ma la rete viene annullata per fuorigioco.

dal 68′ Di Gennaro 6,5 Esordisce in Serie A a 30 anni e compie subìto una parata decisiva su Serdar. Poco dopo si ripete su Tavsan.

dal 68′ Asllani 6 Più lotta che governo: se la cava.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vincenzo Corrado

Vincenzo Corrado

Giornalista professionista, scrittore e altre cose che andavano di moda prima dell'intelligenza artificiale.Caporedattore de Il NerazzurroView Author posts