Vai al contenuto

Vincolo su San Siro: Inter e Milan partecipano al ricorso

Steven Zhang assemblea soci collegamento
CONDIVIDI:
Banner Libro

Inter e Milan hanno deciso di scendere in campo insieme al Comune di Milano nel ricorso contro il vincolo storico posto sul secondo anello del Giuseppe Meazza.

Le società hanno deciso di affidarsi allo studio legale AmmLex ed in particolare all’avvocato Ada Lucia De Cesaris, ex vicesindaco e assessore all’urbanistica del Comune di Milano durante l’amministrazione del sindaco Giuliano Pisapia, per prendere parte al ricorso. Il 14 e il 15 novembre sono stati depositati due atti di costituzione in giudizio da parte dei due club.

Il vincolo storico

Il vincolo storico posto sul secondo anello dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Milano impedisce la demolizione integrale di San Siro. Il proclamo di tale vincolo aveva mandato a monte il progetto presentato dalle due società per la costruzione di un nuovo stadio nel terreno attualmente occupato da San Siro.

Il sindaco di Milano Beppe Sala si era esposto parlando della decisione di ricorrere al Tar per via dei danni economici che inesorabilmente porterebbe il vincolo:

“È interesse del Comune impugnare i suddetti atti e pareri – è scritto nella delibera che ha preceduto formalmente il ricorso al Tar – in quanto gli stessi limitano notevolmente, ancor prima della formale apposizione del vincolo, le possibilità di interventi edilizi sullo stadio, con conseguenti pesanti ricadute economiche in termini di spese di gestione e di conservazione forzata del bene”.

Gli atti “appaiono illegittimi in quanto il parere della Commissione regionale risulta del tutto privo di motivazione, mentre il parere della Soprintendenza Archeologica si risolve in una mera enunciazione di elementi architettonici, avulsa dal contesto, fortemente modificato dalla costruzione del terzo anello che interferisce con il secondo, vanificando la percezione degli elementi compositivi e ponendosi come elemento identitario dello stadio».

L’udienza

Il ricorso è stato depositato il 7 novembre presso il Tar della Lombardia. L’udienza si terrà il 21 novembre e quel giorno si riunirà la Camera del Consiglio per decidere le sorti del Meazza, oltre a quelle del futuro di Inter e Milan.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli