Vai al contenuto

Acerbi-Juan Jesus, il caso è chiuso: Gravina non interverrà

Acerbi-Juan Jesus si chiude definitivamente: Gravina non interviene. Ha tenuto banco durante tutti i giorni della sosta Nazionali ed è giunto a termine un paio di giorni fa il caso Acerbi-Juan Jesus: il giudice sportivo ha assolto, tra le polemiche innanzitutto dei partenopei, il difensore nerazzurro dalle accuse di razzismo mossegli dal centrale del Napoli per mancanza di prove, permettendogli così di essere a piena disposizione di Inzaghi per la partita di lunedì sera contro l’Empoli.

In queste circostanze solamente il numero uno della FIGC potrebbe procedere contro la decisione del giudice sportivo, cosa che non avverrà. Si chiude così una vicenda spiacevole per tutte le parti coinvolte.

Gravina non interverrà: il caso Acerbi-Juan Jesus si chiude definitivamente

Acerbi

Il giudice sportivo Gerardo Mastrandrea martedì ha assolto Acerbi dall’accusa di razzismo per mancanza di prove. Senza ulteriori elementi probatori non potrà essere presentato alcun ricorso a meno che Gravina, in qualità di presidente della FIGC, decida d’intervenire.

Lo aveva fatto lo scorso anno, quando Romelu Lukaku era stato espulso nella sfida di andata di Coppa Italia tra Juventus e Inter. Il belga aveva cercato un faccia a faccia con la tifoseria bianconera dopo aver sentito insulti razzisti nei suoi confronti e l’arbitro aveva deciso di estrarre il cartellino rosso per l’ex centravanti nerazzurro, furioso. In quella circostanza, il numero uno della Federazione aveva deciso di annullare la squalifica di Big Rom, punendo invece i supporters juventini per gli insulti di discriminazione razziale mossi all’avversario.

Per la vicenda che è diventata la copertina di Inter-Napoli, Gravina ha deciso di non intervenire, fidandosi ciecamente dell’operato della giustizia federale che ha ritenuto insufficienti gli elementi a disposizione per squalificare il centrale dell’Inter.

Il contenzioso termina così con l’assoluzione di Acerbi, ma Juan Jesus sta meditando di elaborare una denuncia di natura penale nei confronti dell’avversario poiché si ritiene parte lesa di quanto accaduto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni