Vai al contenuto

Acerbi-Juan Jesus: Chinè vuole chiudere subito, l’Inter fa chiarezza su una cosa

Acerbi-Juan Jesus: il caso che più sta facendo parlare in Italia sembra non muoversi dallo scontro tra le posizioni opposte e discordi delle due parti coinvolte, che rimangono infossate sulla situazione critica di un “la mia parola contro la tua”. L’obiettivo del procuratore della FIGC Giuseppe Chinè é quello di chiudere tutto al più presto, possibilmente già nei prossimi giorni.

La Gazzetta dello Sport ha riportato che la procura federale vorrebbe consegnare al giudice sportivo la relazione sull’accaduto entro questo fine settimana, motivo per cui nelle prossime ore verranno ascoltati i due calciatori. Il primo a presentarsi da Chinè sarà il brasiliano del Napoli, già oggi, e nella giornata di domani toccherà al nerazzurro. Non è escluso che vengano vengano coinvolti e ascoltati anche il direttore di gara La Penna e i tre ispettori federali che si trovavano a San Siro domenica sera durante il match.

Caso Acerbi, l’Inter attende la sentenza ma è categorica sulla parola “razzismo”

Il procuratore FIGC Giuseppe Chinè

Oggi il difensore centrale nerazzurro farà ritorno ad Appiano Gentile per riunirsi al resto dei suoi compagni non convocati dalle rispettive nazionali e prendere parte agli allenamenti. Le dichiarazioni del numero 15 non sono cambiate nemmeno dopo il colloquio con il club: ciò che sostiene è di non aver rivolto insulti o illazioni razziste a Juan Jesus, ma di aver solo sfidato il centrale avversario con un “Ti faccio nero”, senza la g dunque. Questa la versione che Acerbi dovrà ribadire domani al procuratore generale.

In attesa che le indagini arrivino ad una conclusione, verosimilmente nel corso della prossima settimana, l’Inter non prenderà nessuna decisione ufficiale, anche se la volontà della società sarebbe stata una gestione differente del caso dal principio. Quello su cui il club non transige, a prescindere dell’evolversi del caso, è che la parola “razzismo” sia associata ai colori nerazzurri, e provvederà senz’altro a combatterla allontanandola dal proprio nome.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati