Vai al contenuto

Adani esalta l’Inter: “Il +4 non dice abbastanza”

Gli ottimi risultati che l’Inter di Simone Inzaghi sta ottenendo in questa stagione di Serie A sono sulla bocca di tutti. Il grande lavoro di Simone Inzaghi è stato esaltato da Daniele Adani, ex difensore nerazzurro e volto della Rai.

Ospite nella consueta puntata domenicale de La Domenica SportivaLele Adani ha speso parole al miele  per l’Inter dopo il successo per 2-0 sul campo della Lazio, che ha momentaneamente raddoppiato il vantaggio sulla più immediata inseguitrice, la Juventus di Max Allegri, a quattro punti. L’ex difensore nerazzurro ha commentato così la situazione di classifica alla sedicesima giornata: Il +4 non dice abbastanza della superiorità dell’Inter. L’Inter ha dimostrato di essere superiore a tutte le altre squadre. Non sempre la più forte lo dimostra, è il campo che dà giudizi definitivi.

Cosa ha fatto la differenza

Adani analizza anche come la squadra di Inzaghi sia perfettamente cosciente delle proprie caratteristiche e possibilità: “Ha una consapevolezza che le permette di decidere quanto aprire e chiudere una partita. Era accaduto anche a Napoli, come solo le grandi squadre fanno. Crea sempre di più di quanto subisce, l’errore avversario molte volte l’Inter lo provoca. L’Inter anche quando va piano fa le cose bene, deve aspettare solo il momento di indirizzare la partita e non tradisce dal punto di vista dell’attitudine mentale e questa è la grande differenza rispetto all’anno scorso dove l’Inter era sì la più forte ma è arrivata a 18 punti dal Napoli. In pochi mesi ha ribaltato questo modo di essere grazie ad una grande applicazione.

E sulla figura di Lautaro Martienz: “Fino ad un paio di anni fa era la sponda. Di Lukaku, di Dzeko. Ora gli altri si adeguano a lui”.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella