Vai al contenuto

Ag. di Lautaro: “Siamo sereni, lavoriamo per il suo futuro all’Inter”

Le parole dell’agente di Lautaro Martinez, Alejandro Camano, intervistato da FCINTER1908. L’importanza di Lautaro Martinez, nello scacchiere tattico di Inzaghi, è risaputa. Il valore del giocatore come patrimonio dell’Inter, anche.

Ci sono tutti i presupposti affinché l’attuale capitano nerazzurro rimanga tale anche per i successivi anni. Il rinnovo di contratto col club è da tempo un obiettivo comune e l’ultimo contatto tra entourage del giocatore e dirigenza è avvenuto nella trasferta di Madrid, quella che ha sancito l’eliminazione del club di Viale della Liberazione dalla Uefa Champions League a favore dell’Atletico Madrid dell’ex Diego Pablo Simeone.

Alejandro Camano: “Ha un grande rapporto con l’Inter, è il capitano”

lautaro capitano inter

Nell’intervista rilasciata a FCINTER1908, non poteva mancare una domanda sul rinnovo di contratto del suo assistito. Questione che, in linea di massima, non preoccupa nessuno dei protagonisti della vicenda. L’Inter è convinta di proseguire con l’attaccante argentino, da quest’anno eletto anche capitano della squadra nerazzurra, e Lautaro è convinto di aver trovato a Milano il suo ambiente ideale, quello in cui affermarsi come giocatore a livello internazionale ricalcando le orme di un altro suo connazionale che, proprio in maglia nerazzurra, ha vinto praticamente tutto: Javier Zanetti.

Le parole di Camano evidenziano l’ottimo rapporto con la dirigenza dell’Inter e pongono l’attenzione sul tema più importante del momento, ovvero il raggiungimento degli obiettivi di squadra in grado di dare soddisfazione a tutti i propri tifosi. Il riferimento è chiaro, ed è quello della vittoria dello scudetto. Sarebbe il secondo per Lautaro da quando ha iniziato a vestire la maglia nerazzurra, ma il primo da capitano. Del resto, l’attuale contratto del “Toro” è in scadenza al 2026, quindi come ribadito dallo stesso agente del giocatore “Non c’è alcuna fretta, siamo tutti assolutamente tranquilli“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mirko Patera

Mirko Patera