Vai al contenuto

Allegri punge l’Inter: “Juve Sinner e Inter Djokovic, ma sono permalosi….”

Massimiliano Allegri preoccupato
CONDIVIDI:
Banner Libro

Continua il duello, sportivo e dialettico, tra la Juventus di Massimiliano Allegri e l’Inter di Simone Inzaghi, fresca vincitrice della Supercoppa Italiana. La formazione bianconera, la quale ha momentaneamente sorpassato i rivali nerazzurri in vetta alla classifica dopo la trasferta di Lecce, si prepara a sfidare l’Empoli nella gara in programma sabato 27 gennaio alle ore 18:00. Una possibile vittoria porterebbe la Vecchia Signora a +4 sull’Inter, impegnata a Firenze contro la Fiorentina.

Nella conferenza stampa del giorno prima, il tecnico livornese non ha risparmiato alcune frecciate ai nerazzurri e non è la prima volta che succede dall’inizio della stagione.

Le parole di Allegri contro l’Inter

Massimiliano Allegri non perde occasione per stuzzicare i nerazzurri prima della gara di sabato.

Ad una precisa domanda sulla lotta scudetto, il tecnico livornese ha fatto un paragone tennistico che, da un lato genera molto interesse, ma dall’altro può essere interpretato in un altro modo. Il paragone in questione è quello tra Jannik Sinner e Novak Djokovic, stelle indiscusse del tennis mondiale.

“Chi somiglia più a Sinner e chi a Djokovic tra noi e l’Inter? Beh, potrei dire che visto che siamo più giovani, siamo Sinner. Però non lo so, sennò poi la prendono male, sono permalosi…”, le sue parole.

Nel corso della conferenza stampa, Allegri si è soffermato anche sulle condizioni fisiche di Federico Chiesa, il quale non ha giocato nella gara contro il Lecce e non ci sarà neanche per quella contro l’Empoli. L’obiettivo della Juventus è recuperare il suo numero 7 per la sfida di San Siro contro l’Inter.

“Federico per domani non è disponibile. Il nostro obiettivo è quello di portarlo nelle migliori condizioni per averlo a disposizione con l’Inter. E’ un giocatore importante per noi e va recuperato, soprattutto in un momento come questo, dove entriamo nella seconda parte della stagione”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Simone Ambroso

Simone Ambroso