Vai al contenuto

Antonello sulla questione stadio: “Misura necessaria per chiudere il gap con i top club europei”

AD Alessandro Antonello
CONDIVIDI:
Banner Libro

Nuovo stadio di proprietà. La giornata di oggi è dominata dalla notizia che riporta l’ufficialità di Giuseppe Marotta come nuovo presidente dell’Inter con conseguente nomina del nuovo CdA che gestirà la società da qui ai prossimi anni. Tra i membri confermati del nuovo board interista troviamo il nome di Alessandro Antonello che rimarrà nella posizione di amministratore delegato del club.

Lo stesso AD nerazzurro è intervenuto questa mattina proprio durante l’assemblea dei soci e ha fatto riferimento ai progetti e obiettivi del club nerazzurro nel futuro prossimo.

Ecco le dichiarazioni di Antonello

Uno degli obiettivi dichiarati da parte della nuova società sarebbe la realizzazione di uno stadio completamente di proprietà dell’Inter, ritenuto necesario per stare al passo con i top club europei e per il quale la società sta lavorando da diverso tempo. Sulla questione stadio, Antonello dichiara: “Ormai un asset vitale per colmare il gap con le grandi squadre europee è la presenza di uno stadio di proprietà. Noi stiamo facendo di tutto affinchè il progetto si concretizzi il prima possibile e ormai il fattore tempo è sempre più importante. Penso sappiate che il club ha esteso fino a gennaio del 2025 l’esclusiva sui terreni di Rozzano per la valutazione e realizzazione di uno stadio in quell’area.”

Ma lo scenario riguardante il nuovo stadio non è l’unico per la futura “casa” dell’Inter. Infatti, oltre alla realizzazione di un impianto a Rozzano, tiene banco l’ipotesi di una ristrutturazione di San Siro per far sì che i nerazzurri rimangano nel loro storico impianto. Antonello, sull’argomento ha esposto quanto segue: “Oltre alla questione nuovo stadio, valuteremo con attenzione anche il progetto di ristrutturazione di San Siro proprosto dal Comune di Milano e ideato da WeBuild. Verranno esplorate tutte le possibilità di crescita per il club, tenendo presenti i valori della competitività sportiva e della sostenibilità, non solo economica.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts